Banda di ladri professionisti fermati a Gressoney. Trovati strumenti per fare saltare un bancomat

Tre uomini - Ernesto Patitucci di 40 anni, Ganassi Gabriele, di 33 anni e Lenzi Umberto di 51 anni, tutti di Bologna - sono stati denunciati per possesso di materiale atto ad offendere. Per i tre inoltre i Carabinieri hanno chiesto il foglio di via.
Il materiale sequestrato
Cronaca

Era con ogni probabilità la cassa continua della MonterosaSki l’obiettivo di una banda di ladri professionisti giunti da Bologna nei giorni scorsi e bloccati nel tardo pomeriggio di sabato dai Carabinieri della stazione di Gressoney. Tre uomini – Ernesto Patitucci di 40 anni,  Gabriele Ganassi di 33 anni e Umberto Lenzi di 51 anni, tutti di Bologna e con precedenti per furto – sono stati denunciati a piede libero per possesso di materiale da scasso. Per i tre, inoltre, i Carabinieri hanno chiesto alla Procura il foglio di via obbligatorio.

Sabato pomeriggio, i militari in servizio presso il parcheggio Staffal di Gressoney-La-Trinité avevano notato tre uomini, sopra un camper preso a noleggio che, con fare sospetto, continuavano a girare intorno alla cassa della MonterosaSki. I carabinieri hanno quindi deciso di fermarli per un controllo. In quel momento, però, il camper, condotto da una quarta persona, non notata dai militari, si è dato alla fuga, immediatamente inseguito da una pattuglia.

Il quarto uomo è riuscito a lasciare il mezzo nel parcheggio Weissmatten di Gressoney-Saint-Jean e a fuggire a piedi nei boschi. Dentro il camper i Carabinieri hanno rinvenuto un numero consistente e tecnologicamente avanzato di attrezzi da effrazione. In particolare è stato trovato un "Jemmer" che viene utilizzato per inibire le trasmissioni radio, i cellulari e gli allarmi e un teaser, uno storditore elettrico da 2000 Kv, due bombole di azoto e acetilene e del pongo per isolare. "Strumenti che – spiega il Colonello, Cesare Lenti – ci fanno ipotizzare che l’obiettivo era un bancomat o una cassa continua, eventualmente rubando anche un’auto". E il capitano Enzo Molinari aggiunge "la strumentazione, base a livello militare, avrebbe annullato tutte le comunicazioni nella zona, allarmi e cellullari, e lasciato ai tre la possibilità di agire indisturbati durante la notte. Il colpo sarebbe stato scoperto soltanto l’indomani."

I tre, "straconosciuti alle forze dell’ordine come ladri professionisti", sono stati anche segnalati come consumatori di sostanze stupefacenti. Sul camper infatti sono state ritrovate dai militari modiche quantità di marjuana e hashish.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte