Erano accusati di lesioni. Condannati due aostani

Questa mattina, mercoledì 2 luglio, davanti al giudice monocratico di Aosta, sono comparsi Giancarlo Lucci e Saso Jezde Mirovic, entrambi di Aosta. Parte offesa del procedimento, Christian Constantini.
Tribunale di Aosta
Cronaca

Sono stati condannati a due mesi e 15 giorni, convertiti in 5 mesi di libertà controllata, due giovani aostani accusati di lesioni.
Questa mattina, mercoledì 2 luglio, davanti al giudice monocratico di Aosta, sono comparsi Giancarlo Lucci, 22 anni e Saso Jezde Mirovic, entrambi di Aosta, difesi dall’avvocato Massimo Balì. Parte offesa del procedimento, Christian Constantini, 22 anni di Aosta, assistito dall’avvocato Piergiorgio Pietrini.

I fatti risalgono dal maggio del 2006.
Costantini era in fila, assieme ad altre persone, per prendere le brioche dal panettiere vicino al Gros Cidac di Aosta, quando era stato avvicinato da Giancarlo Lucci e da Saso Jezde Mirovic. I due gli chiedono una sigaretta, Costantini dice di non averne. Ne nasce una disputa e i due ragazzi iniziano a malmenare Christian Constantini, che si procura la frattura di un polso. Il giovane sporge denuncia e questa mattina il processo e la  condanna per i due aggressori, oltre a 12 mila euro di risarcimento alla parte offesa.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca