Nei primi 5 mesi del 2010 le Fiamme gialle hanno scoperto 9 evasori totali e recuperato 3 mln euro

Le fiamme gialle hanno festeggiato, questa mattina i loro 236 anni. Sono stati scoperti sei lavoratori completamente in nero e quattro lavoratori non risultanti dalle scritture. Cinque le persone denunciate per il contrasto al riciclaggio.
Celebrazioni Guardia di Finanza
Cronaca

Le fiamme gialle hanno festeggiato, questa mattina, giovedì 24 giugno, i loro 236 anni. Alla cerimonia erano presenti le autorità civili e militari della regione.
Durante le celebrazioni, improntate sulla sobrietà come richiesto dal comando generale, in un periodo di sacrifici e austerità per tutti, il comandante regionale, il generale di brigata Angelo Massa ha ricordato come ''la guardia di finanza sia legata alla Valle d'Aosta da più di due secoli, poiché trae origine dalla 'legione truppe leggere' istituita nel 1774 da Vittorio Amedeo III, re di Sardegna. Gli uomini avevano il compito della vigilanza militare delle frontiere, della sorveglianza doganale e della repressione del contrabbando’’. Oggi, ai tradizionali compiti di vigilanza ai confini, si sono aggiunti quella di polizia tributaria ed economica, oltre che militare e di difesa dell’ambiente.
''E' in atto da tempo una grave crisi, non solo economico-finanziaria, ma anche morale, e per questo il nostro impegno sarà rafforzato in tutti in campi: contro l'evasione fiscale, il controllo al lavoro nero e alla contraffazione dei marchi e delle merci''.
Durante la manifestazione sono stati resi noti anche i dati dell’attività dei premi cinque mesi dell’anno, nel quali sono stati scoperti 9 evasori totali.

Le verifiche hanno consentito il recupero a tassazione di base di imponibili di 3 milioni di euro. Nel settore della lotta all'evasione fiscale, sono state effettuate 67 verifiche e 98 controlli che hanno portato al recupero di redditi non dichiarati pari ad oltre tre milioni di euro. Per quanto riguarda l'Iva intracomunitaria sono state effettuate 14 verifiche, con la contestazione di elementi negativi di reddito pari a 1.782 euro.

Nell'attività di contrasto al lavoro sommerso, i finanzieri hanno eseguito 24 interventi, rilevando complessivamente 24 violazioni. Sono stati scoperti sei lavoratori completamente in nero e quattro lavoratori non risultanti dalle scritture. Nel comparto dei controlli strumentali sono stati eseguiti 1.514 accertamenti, di cui 970 in materia di ricevute e scontrini; 326 controlli su strada e 218 su indici di capacità contributiva.

Per quanto riguarda l'attività delegata di polizia giudiziaria, invece, le indagini hanno consentito di effettuare quattro arresti, 21 sequestri, 14 informative di reato e 17 perquisizioni. Nel contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, sono stati tre gli arresti e 40 i soggetti verbalizzati. Nel settore di sicurezza prodotti, invece, sono stati fatti tre interventi, denunciate quattro persone, sequestrati 59 articoli sportivi e 42 apparecchi d'accensione.

Cinque, invece, le persone denunciate per il contrasto al riciclaggio. Sei gli interventi per la lotta alla contraffazione dei marchi,c on quattro soggetti denunciati e numeroso materiale sequestrato, principalmente capi di abbigliamento.

Infine, per quello che riguarda il lavoro svolto dai militari del soccorso alpino delle stazioni di Entrèves e Cervinia, sono stati eseguiti 23 interventi: 60 le persone soccorse, di cui 44 illese, 10 ferite e sei decedute. Lavoro, per il quale, lo stesso generale ha espresso grande soddisfazione per la professionalità e competenza dei militari.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte