Sorpreso con un chilo di cocaina in macchina, ammette le sue responsabilità

Questa mattina, mercoledì 25 giugno, l'interrogatorio di garanzia per Domenico Raffa, 33 anni di Aosta. Interrogato dal gip di Aosta Maurizio D'Abrusco. Il giudice ha convalidato il fermo e ha disposto gli arresti domiciliari.
Cronaca

E’ durato circa un’ora, questa mattina, mercoledì 25 giugno,  l’interrogatorio di garanzia per Domenico Raffa, 33 anni di Aosta. L’uomo, difeso dall’avvocato Claudio Maione, è stato interrogato dal gip di Aosta Maurizio D’Abrusco. Il giudice ha convalidato il fermo e ha disposto gli arresti domiciliari per l’uomo, arrestato domenica sera dai carabinieri di Aosta per detenzione di sostanze stupefacenti. Raffa, di professione meccanico, è stato trovato in possesso di un chilo e duecento grammi di cocaina. Questa mattina, davanti al giudice per le indagini preliminari ha ammesso le sue responsabilità.

Raffa è stato fermato dai carabinieri del nucleo radiomobile di Aosta, all’uscita del casello autostradale di Aosta est, alla guida di una Mercedes 190D, con targa francese. Quando i militari lo hanno fermato, l’uomo ha iniziato a dare segni di nervosismo, nonostante si trattasse di un normale controllo. I carabinieri hanno così trovato, nel bagagliaio, sotto la ruota di scorta un chilo e duecento grammi di cocaina, divisa in 63 ovuli, tutti avvolti nel cellophane. Per l’uomo erano così scattate le manette per detenzione di droga ai fini di spaccio.
Ora le indagini, coordinte dal pm Luca Ceccanti, proseguono per risalire dov’è stata comprata la droga e a chi doveva andare.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca