Sottraggono 6 milioni di euro alle casse della loro società. Indagati per bancarotta fraudolenta

Si tratta dei titolari della 'Essebi' srl di Pollein Gianmario Sartoris, Marisa Battaglino e della figlia della coppia, Eleonora Sartoris. Per favoreggiamento personale, invece, è indagato un funzionario della banca Popolare di Novara, Gabriele Boero.
Guardia di Finanza
Cronaca

Avrebbero distratto sei milioni di euro dalle casse della società, la Essebi srl di Pollein. I soldi sarebbero finiti in beni di lusso e bene immobili. Per bancarotta fraudolenta, l'aliquota della guardia di finanza della Procura di Aosta con i colleghi della tenenza del Gran San Bernardo hanno indagato a piede libero Gianmario Sartoris, la moglie Marisa Battaglino e la figlia della coppia, Eleonora Sartoris. Per favoreggiamento personale, invece, è indagato un funzionario della banca Popolare di Novara, Gabriele Boero.

Secondo l'accusa, i coniugi Sartoris, amministratori della società 'Essebi' srl di Pollein, fallita il 13 marzo del 2008, avrebbero distratto dalle casse della ditta, che produceva strutture metalliche, circa 6 milioni di euro.
''Dall'attività investigativa svolta – spiega il comandante della tenenza del Gran San Bernardo, il tenente Diego Tatulli, nel corso di una conferenza stampa – e' risultato che l'amministratore di diritto, Marisa Battaglino e quello di fatto, il marito Gianmario Sartoris avevano messo appunto stratagemmi per distrarre il denaro della società. Con esso avrebbero acquistato beni immobili e di lusso, in un caso risultano anche scarpe da 700 euro''.

Secondo l'accusa, i coniugi Sartoris avrebbero anche ordinato a un dipendente di compilare fatture, formalmente ascritte a una società inesistente. In questa maniera potevano prelevare dalle casse societarie ingenti quantitativi di denaro. Nella maggioranza dei casi, però, le distrazioni avvenivano tramite i prelievi di cassa, per cui per gli investigatori non è stato sempre possibile verificare dove siano finiti i soldi. Indagata in concorso per bancarotta fraudolenta anche la figlia della coppia, ''sul suo conto e' transitato denaro distratto dalla 'Essebi'''.

I militari, durante le indagini, hanno anche sequestrato un terreno a Candia Canavese in provincia di Torino sul quale è in fase di costruzione una villa. Secondo l'accusa, i tre indagati avrebbero utilizzato proprio parte dei soldi distratti dalla società per costruire la casa. Gli indagati hanno fatto ricorso al Riesame, ma l'istanza è stata rigettata. Infatti, in questo caso sono riusciti a provare che i soldi utilizzati venivano proprio dalla casse della società.

Boero, invece, secondo l'accusa ''avrebbe ostacolato le indagini tenendo segrete e omettendo di girare all'ufficio funzione accertamenti della sede centrale della banca, le richieste a lui pervenute dalla polizia giudiziaria''.
''Le indagini – conclude il tenente – hanno permesso di accertare distrazioni dal 2003 al 2006, ma non sono state facili. Infatti, tutta la documentazione contabile è stata distrutta oppure occultata. Abbiamo dovuto esaminare 18 conti correnti, facenti capo o alle persone fisiche o alla società. Dagli accertamenti abbiamo potuto provare le distrazioni degli ultimi anni''.

Oggi, della ditta che si occupava di fabbricazione di strutture metalliche non vi è più nessuna traccia.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte