Stadio di Saint-Christophe, il Tar boccia la richiesta di sospensiva del Vallée d’Aoste

La decisione dei giudici amministrativi sulla querelle che vede contrapposti il Vallée d'Aoste calcio e l'amministrazione comunale arriverà il 15 settembre quando si riunirà per la trattazione collegiale la camera di consiglio.
Il Vallée d'Aoste nella prima di campionato contro il Venezia
Cronaca

Il campo di calcio di Saint-Christophe rimane in disponibilità del Comune di Saint-Christophe. Il Tar ha, infatti, respinto la richiesta di misura cautelare, volta a sospendere l’efficacia della delibera comunale del 30 aprile scorso. La decisione dei giudici amministrativi sulla querelle che vede contrapposti il Vallée d’Aoste calcio e l’amministrazione comunale arriverà il 15 settembre quando si riunirà per la trattazione collegiale la camera di consiglio. 

Nell’aprile scorso il Comune di Saint-Christophe con una delibera di Giunta ha deciso infatti di risolvere la convenzione che legava, dal novembre 2013, la squadra all’area di località Prevot. Decisione legata al mancato pagamento di 60mila euro una serie di bollette dell’energia elettrica e del gas oltre che della manutenzione del campo.

Contro il provvedimento della Giunta di Saint-Christophe il Vallée d’Aoste ha presentato ricorso al Tar di Aosta contestando da una parte il fatto che le fatture dell’energia elettrica e del gas non fossero mai state mostrate alla società e dall’altra che i 40mila euro per la manutenzione del campo fanno riferimento ad una stagione in cui non era il Vallée d’Aoste a gestire la struttura.  

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca