Truffe su internet: assolto 43enne “per non aver commesso il fatto”

Il giudice monocratico di Aosta, Marco Tornatore, ha assolto Marco Mario Raimondo, di 43 anni, dall’accusa aver truffato su internet due valdostani.
Il tribunale di Aosta
Cronaca

Il giudice monocratico di Aosta, Marco Tornatore, ha assolto dall’accusa  di truffa, “per non aver commesso il fatto’’, Marco Mario Raimondo, di 43 anni.
L’uomo, difeso dall’avvocato Carlo Laganà, era accusato di aver truffato due  valdostani su internet.

Secondo l’accusa, due persone avrebbero comprato su di un’asta alcuni prodotti,  che nonostante fossero stati regolarmente pagati non sono mai stati recapitati.

Secondo la difesa dell’imputato, non vi era la prova che a commettere la truffa  sia stato proprio Marco Raimondo, anzi, dalle indagini è emerso che il conto  corrente e le carte post pay a cui versavano i soldi gli acquirenti erano  intestati alla compagna dell’uomo. Il giudice, infatti, ha rimandato gli atti  in procura proprio nei confronti della donna, Jinna Carola Arauz Campos.

Le indagini erano state svolte dalla polizia postale di Aosta e Verona. Il pm  Sara Pezzetto aveva chiesto sei mesi di carcere e 200 euro di ammenda.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte