Economia e lavoro

Ultima modifica: 19 Giugno 2018 23:29

La Cogne Acciai speciali rinnova il parco auto: arrivano 57 mezzi elettrici

Aosta - Entro fine febbraio verrà creato un nuovo ingresso lato est per i circa 250 dipendenti dell’area a freddo dello stabilimento con l’adeguamento delle aree di viabilità e la creazione di nuovi parcheggi pubblici.

Con l’obiettivo di aumentare la sicurezza e ridurre l’impatto ambientale della fabbrica la Cogne Acciai speciali ha rinnovato il parco auto, sostituendo le 112 auto stargate e Ape Piaggio con mezzi elettrici. Forniti in leasing della Exelentia, azienda che fornisce anche la ditta Quendoz, i 56 veicoli elettrici – 36 a due posti cassonati e 21 a quattro posti – permetteranno un risparmio annuo per mezzo di 2mila euro annui.

Ma il rinnovo del parco auto non è l’unica novità della Cogne Acciai Speciali per il 2016.
Entro la fine dell’anno verranno portati a termine tre interventi mirati, inseriti nel Progetto Cogne 2016, definito in un protocollo d’intesa fra Rava, Comune di Aosta e Cas. L’investimento complessivo è di 1,8 milioni di euro di cui un milione in carico alla Regione.

Entro la fine di febbraio verrà creato un nuovo ingresso lato est per i circa 250 dipendenti dell’area a freddo dello stabilimento con l’adeguamento delle aree di viabilità e la creazione di nuovi parcheggi pubblici. “Con questo intervento – ha spiegato Roberto Marzorati, vice Presidente Cas – si riuscirà a dare maggiore fluidità al percorso dei dipendenti, offrendo parcheggi limitrofi e maggiore sicurezza su percorsi all’interno dello stabilimento”.

Un altro intervento riguarda la riqualificazione dell’area della piccola fucina. “La Cogne ha lanciato un programma di espansione su un ulteriore linea di prodotti. – continua Marzorati – In quest’area che non è mai stata utilizzata pensiamo di sviluppare i prodotti destinati al settore aeronautico che devono essere fatti in un’area disgiunta, segregata e sorvegliata”.

Infine verranno abbattuti i vecchi capannoni che si trovano nel cuore stabilimento con la creazione di nuove aree di stoccaggio e l’ampliamento del parco rottami.  “La Cogne – ha sottolineato il Presidente della Regione, Augusto Rollandin – ha saputo in questi anni trovare sempre mercati nuovi, adeguarsi alle attese e questo porta a mantenere l’occupazione che è la vera problematica che ci tocca”.
 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>