Economia e lavoro di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 19 Ottobre 2016 12:50

Miele, anno nero per la produzione: calo del 40% in Valle e i prezzi s’impennano

Aosta - Aumentata però la qualità e la Valle d'Aosta si porta a casa importanti riconoscimenti al Concorso Grandi mieli d'Italia. Giuseppe Corradi di Verrès ha conquistato le tre gocce d’oro.

miele tarassaco

Diminuisce l'offerta, cresce il prezzo ma in alcuni casi aumenta la qualità. Estati lunghe e secche, anche se non particolarmente calde, hanno provocato un calo tra il 30 e il 40% della produzione di miele valdostano. Oltre 1000 quintali quello prodotto nel 2016 dai 77mila alveari dei 502 apicoltori valdostani. I numeri sono stati snocciolati durante la presentazione della Sagra del miele di Chatillon, in programma dal 28 al 30 ottobre.  La raccolta scarsa non ha messo in pericolo la qualità che anzi in alcuni casi si è innalzata. 

E’ il caso del miele di tarassaco che ha potuto mettersi in bella mostra al Concorso Grandi Mieli d’Italia, tenutosi nel settembre scorso a Bologna. Giuseppe Corradi di Verrès ha conquistato le tre gocce d’oro, il più prestigioso riconoscimento, due le gocce per il tarassaco dell’Abeille d’Arnad mentre una goccia è andata al Millefiori sempre di Giuseppe Corradi. Un riconoscimento è arrivato anche per Attilio Luboz di Saint- Pierre. 

“Oltre al tarassaco anche il castagno ha riacquistato delle qualità interessanti grazie alla lotta al cinipide – ha spiegato Corrado Adamo dell’Assessorato regionale all’Agricoltura –  interessante anche la produzione del tiglio e del rododendro”. 

Quest’anno sono stati 76 i campioni di miele valdostano arrivati al XXII Concorso mieli della Valle d’Aosta. Le degustazioni hanno visto il coinvolgimento anche di esperti dal Piemonte e dalla Spagna. I nomi dei vincitori si conosceranno domenica 30 ottobre. 

“Il concorso – ha ricordato l’Assessore regionale all’Agricoltura, Renzo Testolin –  vuole sottolineare l’interesse verso questa attività che può dare risvolti economici importanti ma anche per sottolineare impegno che c’è dietro queste produzioni che vanno valorizzate”

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo