Economia e lavoro di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 21 Luglio 2021 16:25

Scuola, il Savt: la Regione deve poter indire in autonomia dal Ministero i concorsi

Aosta - Per il Sindacato, dalla sentenza pronunciata dal Tar Valle d’Aosta sul ricorso di un insegnante arriva un “assist” importante alle iniziative promosse per far sì che venga definita una norma di attuazione sulla materia.

Scuola prove esami

E’ stata pubblicata negli scorsi giorni, dal Tar della Valle d’Aosta, la sentenza relativa al ricorso presentato da un docente delle scuole superiori che non aveva potuto partecipare al concorso straordinario perché in quarantena a causa del Covid-19. Sulla base di un provvedimento cautelare dello scorso aprile, era stato disposto lo svolgimento di una prova suppletiva, dopo la quale l’insegnante è attualmente iscritto nelle graduatorie in attesa dell’assunzione in ruolo. Il verdetto di merito stabilisce quindi la cessazione della materia del contendere, ma rileva alcuni aspetti ripresi dal Savt-Ecole, cui il ricorrente era iscritto.

L’organizzazione sindacale sottolinea come il verdetto stabilisca che la Regione “resta istituzionalmente investita dell’indizione dei concorsi, sicché a nulla rileva, ai fini della corretta intimazione in giudizio, che il materiale disimpegno delle procedure avvenga per prassi consolidata di concerto e con l’ausilio tecnico-logistico dell’apparato ministeriale statale”. Tale pronunciamento, per il segretario del Savt-Ecole Luigi Bolici, “aggiunge un ulteriore argomento alle istanze che stiamo promuovendo come sindacato scuola per addivenire ad una norma di attuazione che assegni alla Regione le prerogative per organizzare autonomamente i concorsi scuola”.

“Sempre più spesso, – osserva Bolici – le esigenze del Ministero non corrispondono a quelle della nostra Regione. In queste settimane, per esempio, stiamo svolgendo un concorso per le materie scientifiche la cui urgenza è tutta dello Stato, perché qui da noi avremmo molto più bisogno per le discipline letterarie”. Il Savt-Ecole lancia, al riguardo, un allarme preciso: “nel prossimo mese di settembre, con i nuovi pensionamenti, in Valle d’Aosta mancheranno dirigenti scolastici e sappiamo già che lo Stato non ha nessuna intenzione di bandire concorsi”.

Ecco, conclude il segretario del sindacato scuola, “i concorsi regionali, ancora prima di essere uno strumento per sanare il precariato sulla base delle nostre esigenze sono indispensabili per il buon funzionamento della scuola valdostana. E per realizzare questo primo importante obiettivo non è necessario mutare l’attuale stato giuridico degli insegnanti”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo