Economia e lavoro di Domenico Albiero |

Ultima modifica: 8 Aprile 2011 0:00

Valfidi e CTS verso l’unificazione. Rollandin: “Daremo i soldi a chi fa spendere meno”

Aosta - “Un confidi unico - ha dichiarato il presidente della Regione - è la soluzione per avere risultati maggiori per gli associati. Il Piemonte lo sta facendo, e così la Liguria. Noi completeremo il percorso con una valutazione che dovrà essere fatta a breve”.

Claudio Lavoyer e Augusto Rollandin

I due maggiori consorzi di garanzia fidi vanno verso l’unificazione, anche se nell’annunciarlo, l’assessore regionale alle Finanze Claudio Lavoyer usa molti condizionali: “Inizialmente sembrava che, oltre alla Valfidi, le altre quattro Confidi si mettessero insieme per poter continuare a ricevere i finanziamenti. Dagli ultimi incontri sembrerebbe che questo fronte si sia un po’ diviso. Ci sarebbe un pour parler molto avanzato per mettere insieme le due Confidi più importanti, la CTS e la Valfidi”.

La posizione dell’amministrazione regionale, infatti, è nota: o si crea un unico soggetto per tutti i settori produttivi o la regione chiude i rubinetti. Oggi, infatti, ci sono cinque i Confidi (Valfidi artigiani, CTS commercio, Confidi industriali, Confidal turismo e Confidi agricoltori) convenzionate con 11 banche per un totale di 55 convenzioni diverse. Per la Regione, quindi, è indispensabile un’uniformità per avere maggior controllo sull’intervento di denaro pubblico per l’abbattimento del costo del denaro”.

“Una confidi unica – ha ribadito oggi Rollandin – è la soluzione per spendere di meno e avere risultati maggiori per gli associati. Il Piemonte lo sta facendo, la Liguria sta facendo lo stesso passo e noi completeremo il percorso con una valutazione che dovrà essere fatta a breve”.

“Se si sfilano alcuni – ha sottolineato il presidente della Regione – è chiaro che diventa sempre più debole il processo di aggregazione. Quello che noi vogliamo è di affidare i soldi a chi fa spendere meno perché non possiamo più esimerci da questo obbligo. E comunque entro la fine dell’anno tutti dovranno decidere”.

Dunque, per i tre Confidi degli industriali, degli agricoltori e del turismo gli scenari sono due. O aderiscono al percorso di unificazione intrapreso da Valfidi e CTS o rimangono ai margini con il rischio di non ottenere più i contributi regionali e di perdere attrattività verso i propri associati.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo