Giornata dell’Economia 2014: dalla Chambre un ritratto in chiaroscuro dell’economia valdostana

Contrazioni economiche generalizzate in Valle che, nonostante tutto, rimane la prima regione del Nord-Ovest per PIL pro capite. Reggono invece le imprese familiari e quelle sociali.
La Giornata dell'Economia 2014
Economia

Qual è lo stato di salute dell’economia e dell’imprenditoria valdostana?
A fornire uno spaccato della situazione del comparto economico regionale è stata la Giornata dell’Economia 2014, consueto appuntamento organizzato dalla Chambre Valdôtaine e dall’Università della Valle d’Aosta e ospitato nel pomeriggio nell’aula magna dell’ateneo valdostano.

Situazione molto chiara nelle parole del Presidente della Chambre Nicola Rosset, che non nasconde le gravi difficoltà che permangono: “In Valle d’Aosta tra il 2008 ed il 2013 – spiega Rosset – il numero di imprese si è contratto del 5,6% e del 2,5% nell’ultimo anno, con una perdita particolarmente rilevante nel settore dell’agricoltura”.
E non sono migliori le condizioni delle costruzioni e del commercio (con un calo, rispettivamente, di 132 imprese per le costruzioni e 112 per il commercio), mentre si è registrata una crescita del 5,2% rispetto al 2008 per le imprese del turismo.
Il problema serio, però, è un altro: “A preoccupare – spiega Rosset – è soprattutto l’occupazione. Dal 2008 abbiamo perso circa 1600 occupati e le persone in cerca di lavoro sono aumentate notevolmente, passando dai 1900 del 2008 ai 5100 del 2013. È stata superata la quota dell’8% e nel primo trimestre del 2014 è stato raggiunto il record del 9%”.

Contrazioni economiche generalizzate in Valle che, nonostante tutto, rimane la prima regione del Nord-Ovest per PIL pro capite con 34mila euro (la media nazionale è di 31mila, ndr.), e seconda solo alla provincia di Bolzano che tocca quota 37mila euro.

Di conseguenza, dal Rapporto 2013 sull’economia valdostana stilato dalla Chambre, la situazione risulta variegata e non semplice: “Il PIL è negativo – spiega nella sua presentazione la dott.ssa Maria Angela Buffa, funzionario della Chambre – ma non come nel 2009. I consumi sono crollati del 3,4% ma non arrivano al 4 della media italiana, mentre chi cerca lavoro è raddoppiato rispetto al 2010”.

In ribasso anche il numero delle imprese giovanili rispetto al 2012 (-1,1%) e delle esportazioni (-3,7%), del turismo (si conferma solo quello di prossimità che attinge dalla Lombardia, dal Piemonte e dalla Liguria) in un quadro in cui emerge tutta la difficoltà di famiglie e imprese a far fronte ai debiti contratti.

Le ‘vacche’ non sono ‘magre’ come nel 2009/2010, quindi, ma sono ancora ben lungi dall’aver ripreso un peso consistente: l’economia locale ha infatti un trend in peggioramento, il reddito a disposizione delle famiglie si è ridimensionato (-3,5% nel 2012), il PIL reale si è contratto del 3,5% ed il tessuto produttivo si è indebolito.

Non un bel quadro, anche se non mancano gli spiragli: tengono infatti, seppur timidamente, le imprese familiari (che in Valle rappresentano l’85%) e quelle sociali. Modelli di successo in un periodo così scuro, paradigmi di un’impresa più attenta ai bisogni delle persone, dell’ambiente e del territorio. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte