Commercio e turismo, 150mila posti di lavoro a rischio

E' l'allarme della Confesercenti che afferma: 'Questa frana produttiva e occupazionale va fermata al più presto e non può risucirci da solo il già insufficiente decreto anticrisi'.
News Nazionali

Roma, 22 gen. (Adnkronos) – ''Solo nel settore commercio e turismo sono a rischio 150 mila posti di lavoromentre si prevedono ancora migliaia di chiusure di piccole e medie imprese. Questa frana produttiva e occupazionale va fermata al più presto e non può risucirci da solo il già insufficiente decreto anticrisi''.

E' l'allarme lanciato della Confesercenti che in una nota chiede che ''al tavolo del confronto fra governo e parti sociali non si sottovaluti che la crisi pesa soprattutto sulle pmi, mentre finora gran parte delle misure decise, comprese quelle fiscali, vanno a favore della grande impresa e solo briciole vengono destinate alle altre''.

''Due punti – sottolinea Confesercenti destano in particolare grande preoccupazione fra le piccole imprese: il progressivo estendersi di fenomeni di restringimento del credito che le colpisce direttamente a differenza delle grandi aziende; la questione tutta aperta degli studi di settore – continua Confesercenti – Finora sugli studi di settore si registrano solo risposte generiche ed inadeguate a fronteggiare un periodo tanto negativo per l'economia quello rappresentato dal 2008 e 2009''.

''Confesercenti chiede che il governo consideri questo biennio come del tutto eccezionale e ponga mano a una revisione radicale della applicazione degli studi. Non accetteremmo ritocchi di facciata che equivarrebbero ad una vera e propria vessazione nei confronti delle pmi''. Quanto alla riforma dei modelli contrattuali Confesercenti ribadisce la sua posizione ''favorevole'' cosi' come e' ''disponibile a valutare meccanismi in grado di garantire una tutela efficace alla parte del mondo del lavoro piu' debole ed indifesa. Ma se sugli ammortizzatori si delineano scelte possibili, non altrettanto si fa sullo strumento fondamentale in tempi di crisi come e' la formazione. Recenti misure approvate con il decreto in Parlamento infatti paralizzano di fatto l'attivita' dei Fondi per la formazione continua, recando un grave danno alle imprese. Chiediamo che Governo e Parlamento modifichino tale disposizione, ridando agibilita' ai Fondi e prospettive certe alla formazione''.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati