Europee, Matteo Salvini presenta la proposta della Lega

Il neo Segretario federale della Lega Nord è arrivato questa sera nella sede aostana del Carroccio, direttamente da una giornata passata a Bruxelles, per tracciare le linee guida del movimento in vista dell'appuntamento con le elezioni europee
Politica

Visita di Matteo Salvini ad Aosta. Il neo Segretario federale della Lega Nord è arrivato questa sera nella sede aostana del Carroccio, direttamente da una giornata passata a Bruxelles, per tracciare le linee guida del movimento in vista dell’appuntamento con le elezioni europee del 25 maggio 2014.
Per Salvini la direzione è chiara: “Sono qui – spiega il Segretario federale della Lega Nord – perché ci sta a cuore l’identità. I popoli sono formati dalle identità locali, non dalle banche, e noi difenderemo strenuamente i popoli da una Bruxelles che li sta massacrando”.

In pericolo c’è, secondo Salvini, il futuro stesso delle autonomie: “Il futuro delle autonomie è grigia. Lo Stato vuole togliere. Tutto si decide a Bruxelles e a Roma, vogliono che noi facciamo solo i consumatori di quello che ci danno. Attaccano perché le Regioni autonome solo perché vedono gli sprechi ma è un disegno, mentre noi le vogliamo difendere”.
Poi una puntata sulla situazione valdostana: “In Valle ci sono partiti autonomisti da decenni – spiega Salvini – e parleremo con loro come facciamo in tutte le altre regioni per portare in Europa lo scontro tra le identità e e il ‘mostro’ di Bruxelles. Andiamo in Europa per portare la politica del ‘no euro’, dello stop all’immigrazione incontrollata e il rilancio dell’agricoltura e dell’artigianato. Se l’Union Valdôtaine vuole le nostre stesse cose bene, altrimenti, se non c’è dialogo, correremo da soli”.
E quali sono le prospettive del Carroccio in Valle d’Aosta, vista la presenza di un solo consigliere comunale su tutti i 74 comuni regionali? Anche qui Salvini apre al dialogo con le forze ‘affini’: “A livello federale, spiega il segretario, daemo ampia manovra di scelta ai territori, e ogni territorio sceglierà con chi allearsi e come gestirsi. Per noi la Valle d’Aosta è un territorio leghista a tutti gli effetti”.
A chiudere il cerchio, anche in relazione al ‘candidato unico’ valdostano per le europee spesso evocato ci pensa il segretario regionale Sergio Ferrero: “Siamo cresciuti già alle politiche, con un incremento del 30%, e lavoriamo bene. La proposta del candidato della Lega c’è, e stasera la presenterò al Segretario. Se ci sarà condivisione con le altre forze politiche andremo avanti assieme, altrimenti correremo da soli”.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte