Ferrovie, stop di quindici minuti a Chivasso per il cambio del locomotore

Porta Susa chiusa ai treni Diesel. I pendolari valdostani aspetteranno 15 minuti a Chivasso dove sarà sostituito il locomotore diesel con uno elettrico. Marguerettaz: “Abbiamo chiesto di mantenere il passaggio dei Minuetto fino a Porta Nuova”.
Il Minuetto in sosta alla stazione di Aosta
Politica

Il peggio è stato scongiurato. L’incontro di oggi tra i vertici delle Ferrovie dello Stato e gli assessori ai Trasporti di Piemonte, Barbara Bonino, e Valle d’Aosta, Aurelio Marguerettaz che oggi si è recato nel capoluogo piemontese in treno, alleggerisce lo scenario che era venuto a crearsi negli ultimi giorni. “La soluzione individuata – spiega l’assessore Marguerettaz – dovrebbe permettere di evitare le rotture di carico per i treni che oggi viaggiano con le locomotive 445, che sono le più vecchie e inquinanti ma che trasportano un maggior numero di persone. Quest’operazione comporterebbe la sostituzione a Chivasso del locomotore diesel con uno elettrico”. Il danno secondo Marguerettaz sarebbe limitato: “Considerato che la fermata di Chivasso ordinariamente, e salvo ritardi, è di poco meno di 10 minuti, il sacrificio in termini di tempo è modesto. Lo spostamento del locomotore dalla testa alla coda necessita, infatti, di 15 minuti”.

Da un comunicato di Ferrovie dello Stato si apprende che è stata confermata la “sostituzione di tutti i treni diesel in circolazione sulla linea Torino-Novara con convogli trainati da mezzi elettrici; cambio, a Chivasso per la relazione Chivasso-Torino, delle locomotive (da diesel ad elettrica) dei treni ad alta frequentazione che collegano Torino ad Aosta; approfondimento delle soluzioni per i treni diesel “Minuetto” che collegano Aosta con Torino”. Tutti i provvedimenti saranno operativi dal 12 dicembre prossimo.

Aggiunge Aurelio Marguerettaz che “In virtù del minor carico inquinante ottenuto con la cessazione del transito dei veicoli con maggiori emissioni nocive si chiede di poter mantenere il passaggio dei Minuetto fino a Porta Nuova perché questi treni sono relativamente recenti e sono degli Euro 3”. L’assessore si è mostrato ottimista: “Rfi e Trenitalia si sono impegnati a verificare questa soluzione in tempi brevissimi”. Non resta che aspettare.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte