Lanièce: “L’Ue tenga in considerazione le criticità dei territori montani”

"Spesso - ha sottolineato oggi in aula Lanièce - le decisioni europee mettono in serie difficoltà alcuni settori lavorativi, come quelli degli agricoltori e degli allevatori di montagna, o dei produttori primari, ad esempio nel settore della viticoltura.
Albert Lanièce
Politica

"Spesso le decisioni europee e i regolamenti mettono in serie difficoltà alcuni settori lavorativi, come quelli degli agricoltori e degli allevatori di montagna, o dei produttori primari, ad esempio nel settore della viticoltura. L’applicazione di tali norme risulta spesso difficile, talvolta quasi impossibile, come nell’ambito del benessere animale o della produzione primaria, essendo state pensate probabilmente per le pianure dell’Olanda, della Francia, della Germania, ma con scarsa considerazione dei territori montani". Cosi il Senatore Albert Lanièce intervenendo oggi in aula nella discussione generale sul di legge delega sul recepimento delle direttive europee e sulla legge di delegazione europea 2013.

"Questo si traduce nell’impossibilità per le Regioni e lo Stato stesso di apportare modifiche adeguate – sottolinea Lanièce –  con probabili ricadute in termini di sanzioni dell’ordine di migliaia di euro ad aziende agricole e montane che si trovano già in difficoltà oggettiva."

Infine il senatore valdostano ha chiesto al Ministro per gli affari europei Moavero di di farsi carico di tali criticità e di trasmetterle alle autorità europee e agli eletti nel Parlamento europeo. "Occorre far sì che le Regioni di montagna siano tenute in considerazione con le loro caratteristiche e criticità, affinché l’Unione europea rappresenti veramente l’insieme dei popoli che la compongono con pari dignità e non l’insieme di figli e figliastri di Paesi di serie A o B."
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte