Legge impugnata, Rollandin: “Aspettiamo di conoscere le motivazioni”

Question time di Alpe e Uvp per conoscere le intenzioni della Giunta dopo l'impugnativa del Consiglio dei ministri. Bertin: "Risposta tattica e inopportuna. Resistere è un dovere". Rosset: "Non ci devono essere dubbi sul ricorso della Regione."
Augusto Rollandin
Politica

"Aspettiamo che il ricorso ci venga notificato per conoscere nel dettaglio le motivazioni e procedere cosi alle valutazioni tecniche". Il Presidente della Regione, Rollandin, in apertura dei lavori del Consiglio Valle, non scioglie i dubbi sulla posizione del Governo regionale dopo l’impugnazione, da parte del Consiglio dei Ministri, della legge  sui rifiuti, approvata con il referendum del 18 novembre scorso.

"Ad oggi abbiamo letto solo il comunicato stampa e i documenti a disposizione sul sito del Ministro degli affari regionali" sottolinea Rollandin ricordando come esista già una sentenza della Corte Costituzionale del 2009 che esclude i settori dell’ambiente e dei rifiuti dalle competenze della Regione Valle d’Aosta.

Risposta "tattica e inopportuna" per il consigliere di Alpe, Alberto Bertin. "Era l’aspetto politico che ci interessava e non le questioni tecnico-giuridiche. Il Governo tenta cosi di perdere tempo mentre, ora, c’era bisogno di chiarezza. Resistere è un dovere per difendere le prerogative statutarie e la democrazia diretta."

Anche per Andrea Rosset dell’Uvp "Non ci devono essere dubbi sul ricorso della Regione."

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte