Riduzione consiglieri, Caveri: “Mancano i tempi”. Zucchi: “Iniziamo a fissare un principio”

Confronto, scontro sui blog e i social network fra il consigliere dell'Uv Caveri e il consigliere del Pdl Zucchi. Il tema ieri era stato al centro dalla riunione della I Commissione consiliare.
Consiglio regionale
Politica

Il Consiglio regionale che andremo a rinnovare nella primavera del 2013 sarà ancora a 35 poltrone. Mancano, infatti, con ogni probabilità, i tempi tecnici per approvare una riforma costituzionale.

"Qualunque legge dovesse essere approvata dal Consiglio – scrive oggi sul suo blog Luciano Caveri –  e inviata in Parlamento cadrebbe con la fine ormai imminente della legislatura nazionale per il voto delle politiche nel mese di aprile." Questione da archiviare quindi? Sempre dal suo blog Caveri sottolinea come: "Il tema in questa fase sia solo un’azione dimostrativa che vuole far vedere quanto si sia – ma solo potenzialmente – "bravi" nel ridurre."

Per il Presidente della I Commissione consiliare, Alberto Zucchi, invece: "Aldilà dei tempi, sui quali abbiamo avviato una verifica, l’attuale Consiglio deve iniziare subito a fissare un principio perché i cittadini se lo aspettano.” Zucchi risponde poi a Caveri che aveva indicato come “ipocrita” chi fa credere che i tagli applicabili dalla prossima legislatura. “E’ sicuramente più ipocrita chi accampa scuse e si rifugia dietro dei tempi. Iniziamo a tagliare prima ancora che il decreto Monti venga convertito perché, se non siamo d’accordo con il metodo del Governo, ne condividiamo almeno il principio".

Il tema della riduzione del numero di consiglieri al momento, quindi, accende più la discussione sui blog e i social network mentre stenta ancora ad approdare sul tavolo delle forze di maggioranza. "Non siamo noi a doverlo convocare", risponde Zucchi che rammenta come ad oggi proprio il partito di maggioranza relativa si stia defilando dall’affrontare il tema.

 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte