WWF contro la Festa della Caccia: “spot pubblicitario verso una pratica assolutamente minoritaria”

In una nota il WWF Piemonte e Valle d’Aosta giudica la scelta della Regione Valle d’Aosta di patrocinare la Festa della caccia, in programma il prossimo weekend a Pollein.
Politica

“Con la partecipazione attiva anche del Corpo Forestale e di organi istituzionali, si sponsorizza in maniera non opportuna, forse anche tramite denaro pubblico, uno spot pubblicitario verso una pratica assolutamente minoritaria.” Così in una nota il WWF Piemonte e Valle d’Aosta giudica la scelta della Regione Valle d’Aosta di patrocinare la Festa della caccia, in programma il prossimo weekend a Pollein.

“Mentre rimane innegabile – si legge nel comunicato – l’inquietudine che tutti percepiamo immediatamente nell’incontrare un cacciatore, un uomo armato, che percorre campagne e boschi, allo stesso modo permane un senso di non comprensione, nell’Anno Internazionale della Biodiversità, nei confronti del Presidente della Giunta regionale e dell'Assessore all'Agricoltura che ritengono la manifestazione "opportuna", e che contribuiscono quindi a perpetuare la nostra apprensione.
”

“L’Ente regionale – conclude la nota –  dovrebbe almeno astenersi dall’evidenziare apertamente la condivisione pubblico-cacciatori, su una linea di ammiccamento a pratiche che così tanti problemi hanno prodotto a livello amministrativo e legislativo, con deregulations contro le quali ci si è battuti per molti mesi a livello nazionale per non ripiombare nel medioevo delle procedure di infrazione comunitarie.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte