Pubbliredazionali

Ultima modifica: 3 Gennaio 2019 18:54

Confartigianato augura un anno nuovo di impegno e crescita a tutte le imprese

Aosta - Nel farlo l’Associazione ribadisce il proprio Sì alle infrastrutture e allo sviluppo del paese.

DA A AEF CEEBDA A AEF CEEB

Confartigianato Valle d’Aosta, nell’augurare alle piccole imprese un anno nuovo di impegno e crescita, ribadisce il proprio Sì alle infrastrutture e allo sviluppo del paese.

L’Italia ha una dotazione infrastrutturale inferiore del 19,5% rispetto alla media europea.
Tra il 2009 e il 2017 gli investimenti pubblici sono crollati del 37,7% provocando la perdita di 122.000 posti di lavoro nel settore delle costruzioni.
Il valore degli investimenti pubblici in Italia è inferiore di 17,1 miliardi in confronto alla media Ue.
4,4 milioni di piccole imprese italiane con 10,8 milioni di addetti rappresentano il 65% del totale degli occupati delle imprese italiane.

Noi siamo quelli del SI perché vogliamo creare sviluppo e lavoro, portare il Made in Italy nel mondo” spiega Confartigianato imprese Valle d’Aosta, dicendosi favorevole a investimenti pubblici e privati, a efficaci collegamenti nazionali e internazionali, sempre nel rispetto dell’ambiente, a grandi infrastrutture strategiche, a rete e connessioni per trasferimento di dati, banda ultra larga per le piccole imprese italiane, ad una pubblica amministrazione che funzioni e sia attenta alle esigenze dei cittadini e meno burocrazia perché ostacola la crescita.

Il “Sì” dell’associazione è anche per un mercato del lavoro che valorizzi meriti e competenze e per una giustizia civile rapida ed efficiente.

Per rilanciare la competitività, conclude Confartigianato Valle d’Aosta, occorre agire anche sui costi dell’energia: i piccoli imprenditori oggi pagano l’elettricità il 16,1% in più rispetto alla media UE. A fronte del 34% di consumi, sulle loro bollette grava il 46% degli oneri di sistema.

Per dimostrare la propria vicinanza alle imprese valdostane, da gennaio 2019 un addetto Confartigianato si recherà nelle ditte per un check up gratuito e per raccogliere le richieste.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>