23 aziende valdostane aprono domani le porte agli appassionati del vino

Cantine aperte come ormai tradizione non sarà solo l'occasione di scoprire i profumi e i colori del vino ma è anche l'occasione per aiutare l'Associazione locale dell'Aism, acquistando il bicchiere e la tasca portabicchiere di ricordo dell'evento.
un'immagine delle precedenti edizioni - vevey marziano
Società

Accompagnate dallo slogan “Vedi cosa bevi”, 800 cantine in tutta Italia aprono domani, dalle 10 e fino alle 18, le proprie porte per mostrarsi agli appassionati o attrarre i curiosi.
In Valle d’Aosta sono 23 le aziende che hanno aderito alla sedicesima edizione della manifestazione “Cantine aperte” organizzata dal Movimento turismo del Vino.
Praticamente tutto il territorio regionale sarà interessato dall’iniziativa, si va dalle crotte della Bassa Valle come la Caves Cooperatives de Donnas e la Kiuva di Arnad o ancora l’azienda vitivinicola di Dino Bonin di Arnad a quelle dell’alta valle come la Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle, all’azienda vitivinicola Maison Vevey Albert o quella di Marziano Vevey.

Ricca l’offerta della media valle che contempla oltre all’Institut agricole régionale, la Cave des Onze Communes e Les Cretes, la Maison Vignerone Frères Grosjean di Quart, l’azienda di Franco Noussan di Saint-Christophe o ancora l’azienda Ville di Verrayes e la Crotta di Vegneron di Chambave.

Cantine aperte come ormai tradizione non sarà solo l’occasione di scoprire i profumi e i colori del vino abbinati ai prodotti tipici valdostani ma è anche l’occasione per aiutare l’Associazione locale dell’Aism (Associazione italiana sclerosi multipla), acquistando il bicchiere e la tasca portabicchiere di ricordo dell’evento.

Per conoscere tutte le aziende vitivinicole che prenderanno parte a Cantine aperte è possibile visitare il sito del Movimento turismo del vino www.movimentoturismo.it oppure scrivere a info@lacrotta.it o info@vievini.it o ancora chiamare lo 0166 46670 o lo 0165 775791

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte