Ad Aosta nel 2009 sono state solo sei le giornate ‘terribili’ per le polveri sottili

Il capoluogo, anche se solo per un giorno, sarà il “paradiso dei pedoni”. Domenica 20 settembre prossimo, come in moltissime altre città europee, si celebrerà la giornata senza auto.
Società

Sono passati i tempi bui in cui ad Aosta si superava ampiamente il limite di guardia per le concentrazioni di polveri sottili: nel 2005, nella centralina di rilevazione dell’Arpa di piazza Plouves, le giornate in cui era stata oltrepassata la soglia di 50 micro grammi al metro cubo di PM10 erano state 54, nel 2006 erano state 48. Una situazione di emergenza che aveva spinto l’amministrazione cittadina a sperimentare le “targhe alterne”, anche se fra le proteste di commercianti e imprese. Ulteriori limitazioni erano state introdotte successivamente per i veicoli euro zero. Nel 2007 il numero di sforamenti è arrivato a 14, mentre 15 sono stati quelli del 2008.
E dall’inizio di quest’anno ad oggi le giornate in cui la soglia è stata superata sono 8 nella centralina gestita dall’Arpa al quartiere Dora e 4 in quella di Piazza Plouves. Il risultato è una media 6 giornate.

E’ certamente il capoluogo a subire le maggiori concentrazioni di traffico nei giorni feriali, in una regione che, secondo “L’autoritratto  ACI”, conta quasi 132 mila auto su una popolazione di circa 123 mila abitanti. Una quota che sale a oltre 181 mila se si conta il complesso di tutti i veicoli. Secondo lo stesso studio, la Valle d’Aosta si conferma ancora la regione italiana con il maggiore rapporto fra abitanti e vetture.

Ma almeno a titolo simbolico, Aosta, anche se solo per un giorno, sarà il “paradiso dei pedoni”. Domenica 20 settembre prossimo anche il capoluogo regionale, come moltissime altre città europee, celebrerà la giornata senza auto. Dalle 9,00 alle 18,00 il traffico sarà vietato in tutto il perimetro delimitato dalle mura romane per dare spazio a momenti di gioco, di aggregazione e ad attività sportive.
“Come nelle passate edizioni – ha spiegato l’assessore all’ambiente del Comune di Aosta Delio Donzel  – abbiamo voluto unirci  alle associazioni sportive per dare ai cittadini di Aosta un momento di festa e divertimento”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte