Cinque richieste dal Coordinamento delle associazioni dei consumatori ai parlamentari valdostani

?Introduzione nella normativa della 'class action'e per regolamentare la possibilità da parte delle banche di modificare unilateralmente le condizioni di conto corrente; il contenimento dei costi energetici sostenuti...
Società

?Introduzione nella normativa della ‘class action’e per regolamentare la possibilità da parte delle banche di modificare unilateralmente le condizioni di conto corrente; il contenimento dei costi energetici sostenuti dalle famiglie e l’eliminazione delle rendite corporative nel settore dei servizi in genere; l’applicazione del nuovo codice delle assicurazioni e norme di applicazione dell’indennizzo diretto in materia di Rc Auto?.
Sono queste alcune delle priorità contenute in un pro memoria che i rappresentanti delle associazioni dei consumatori del territorio valdostano, Adoc VdA, Casa del Consumatore, Codacons e Avcu, hanno consegnato ai due parlamentari valdostani Carlo Perrin e Roberto Nicco in occasione del primo incontro con il Coordinamento delle associazioni dei consumatori Valle d’Aosta.
Il confronto ha messo sul tavolo alcune problematiche presenti in Valle che toccano da vicino la popolazione. Tra queste il Coordinamento ha evidenziato “il diritto alla mobilita“, intesa come “riduzione dei pedaggi autostradali nella tratta valdostana per utenza locale e utilizzo del tratto autostradale tangenziale di Aosta da Aosta Est ad Aosta Ovest senza pagamento di pedaggio“.
Tra le altre richieste i rappresentati dei consumatori chiedono l’accesso, a livello locale, a programmi Rai in orari adeguati.

I parlamentari hanno ribadito l’impegno a confrontarsi sui vari problemi che giungeranno di volta in volta in discussione in Parlamento e per quanto concerne le richieste avanzate “Alcune sono già oggetto dei recenti provvedimenti in materia di liberalizzazione adottati dal Governo” hanno commentato Nicco e Perrin.
Rispetto al diritto alla mobilità e dunque ai pedaggi autostradali, i parlamentari, hanno assicurato che “non appena si sarà chiarita la situazione dell’Anas chiederemo un incontro con il Ministro per verificare gli intendimenti del Governo e le possibili soluzioni ai problemi“. In tale incontro, infine, i due parlamentari valdostani hanno giudicato positivi i recenti provvedimenti adottati dal Governo in materia di liberalizzazione e di competitività. Secondo Nicco e Perrin il Governo avrebbe individuato la strada giusta per dare le risposte alle domande che da tempo ponevano i cittadini-utenti “E’ stato iniziato l’abbattimento di recinti che facevano il bene di chi ci stava dentro che non coincideva però con quello dei consumatori-utenti“.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società