Federconsumatori: “Il potere d’acquisto delle famiglie dal 2008 è diminuito del 13%”

L'Associazione critica le ultime scelte del Governo inserite nella legge di Stabilità che porteranno "ad un ulteriore impoverimento delle famiglie".
Bruno Albertinelli
Società

Critiche alla Legge di Stabilità vengono espresse oggi dalla Federconsumatori. Secondo l’Associazione la riduzione dell’Irpef e l’aumento dell’Iva avrà delle ricadute solo per i redditti bassi. In particolare per quanto riguarda la riduzione di un punto dell’aliquota irpef, secondo Federconsumatori, questa comporterà un risparmio per chi ha  uno stipendio di 22mila euro, di soli  220 euro l’anno.

Mentre l’aumento di un punto dell’Iva peserà nel carrello della spesa dai 273 ai 500 euro in più all’anno. "Questo causerà un’ulteriore caduta dei consumi  – si legge in una nota – e un ulteriore impoverimento delle famiglie già pesantemente colpite dalla precedenti manovre economiche."

Secondo Federconsumatori "il potere d’acquisto delle famiglie italiane dal 2008 a oggi è diminuito di oltre il 13,2%, vale a dire una perdita media di circa 3.907 euro a famiglia. A tutto questo, si aggiungono altri pesanti provvedimenti presi da questo governo che fanno irritare non poco." In particolare l’associazione fa riferimento al blocco dei contratti degli statali, allo stop all’indennità di vacanza contrattuale, ai tagli alla sanità fino alla  riforma del titolo V della costituzione.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte