Gigi D’Alessio, l’Assessore Carradore: “Visibilità mediatica eccezionale”

L'Assessore al Turismo del Comune di Aosta spiega: "Con un investimento di poco superiore a quanto già preventivato in fase di programmazione del calendario degli eventi, otterremo una visibilità mediatica eccezionale con ricadute turistiche e commerciali
Patrizia Carradore
Società

"Si tratta di un’occasione straordinaria per promuovere Aosta in prima serata su Raiuno, nell’ambito di una trasmissione che, si stima, entrerà nelle case di 11 milioni di italiani." L’Assessore comunale al Turismo, Patrizia Carradore, spiega in una nota, la scelta del Comune di Aosta di aderire alla proposta della Regione e della Rai nell’ambito della trasmissione in diretta "L’anno che verrà" di Raiuno.

"Siamo stati fortunati  – continua Patrizia Carradore – a poter ottenere la presenza di Gigi D’Alessio senza passaggi intermedi, concordando un cachet notevolmente più basso rispetto alle normali quotazioni dell’artista e, per di più, disponendo del finanziamento di una parte delle spese di organizzazione dal Casinò di Saint-Vincent nel quadro di un accordo di collaborazione. Con un investimento di poco superiore a quanto già preventivato in fase di programmazione del calendario degli eventi nello scorso mese di febbraio, infatti, otterremo una visibilità mediatica eccezionale, potendo, inoltre, proporre al pubblico aostano uno dei principali protagonisti della scena musicale italiana, capace di vendere 12 milioni di copie dei suoi album, ottenendo successi e riconoscimenti in tutto il mondo."

Infine secondo l’Assessore "una vetrina come quella che si aprirà sulla rete di punta della televisione di Stato potrà contribuire notevolmente ad incentivare la scelta di Aosta quale meta per le vacanze, ottenendo il duplice scopo di incrementare lo sviluppo turistico cittadino con l’offerta di eventi di qualità e rinomanza artistica, e sostenere gli operatori turistici e commerciali nell’attuale congiuntura di crisi".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte