“La Buona Scuola”: il canto del cigno della Renaissance si rivela una trappola per Donzel e il Pd

La serata di ieri, tra insegnanti e consiglieri regionali di minoranza si è trasformata in uno scontro fra i docenti stessi ed il capogruppo PD Raimondo Donzel.
L'incontro di ieri sera sulla riforma della scuola
Società

La Renaissance est morte, vive la Renaissance.
A mettere la pietra tombale sull’unità di intenti tra le componenti della minoranza in Consiglio Valle – già ampiamente minata dalle trattative che hanno portato alla coalizione per Centoz Sindaco di Aosta e che recentemente si sta frammentando verso nuovi equilibri in Piazza Deffeyes – ci ha pensato la serata di ieri sera, all’Hôtel des États di Piazza Chanoux.

Una serata di incontro tra l’opposizione in Regione – e già un incontro a quattro sembrava sospetto, visti i rapporti ondivaghi tra Alpe, UVP, M5S e PD – e gli insegnanti per raccogliere dalla ‘base’ le istanze sulla tanto contestata riforma della scuola in agenda del Governo Renzi. Formalmente. Informalmente l’imboscata al capogruppo ed ex-segretario PD Raimondo Donzel era allestita.

“Questa serata è un momento di ascolto – ha spiegato Laurent Viérin, UVP –, un incontro con le forze di opposizione per parlare di riforma e riuscire a valorizzare il sistema scolastico valdostano. L’idea è quella di salvaguardare il nostro modello e se possibile migliorarlo”.
Anche Chantal Certan, Alpe, è sulla linea: “Oltre alle dichiarazioni su ‘tavoli di confronto’ l’assessore (Rini, ndr) non si è ancora mossa. In questi anni non abbiamo visto nessuna programmazione, che scuola ha in mente chi governa? “

Il filo è teso, la trappola è pronta.
È il turno infatti di Donzel: “Il tentativo è quello di modificare una riforma, senza affossarla. Sono assolutamente contrario al fatto che il Dirigente valuti chi sia un bravo insegnante e chi no, però questo è ormai il criterio applicato al pubblico impiego”.
Gli insegnanti in sala – una sala gremita, c’erano almeno 120 persone – insorgono, Donzel diventa l’obiettivo degli strali dei presenti, tacciato di essere in accordo con la riforma, di fatto con Renzi stesso.
Donzel però non si lascia intimidire e incalza: “Ci sono milioni di euro spesi per l’assunzione di personale”. Le proteste non si placano, e tocca, in ordine, a Stefano Ferrero del MoVimento 5 Stelle che esordisce attaccando a spada tratta: “La politica ha parlato fin troppo, gli insegnanti no. Il M5S considera questa riforma una porcata. Un Preside-sceriffo che sceglie senza criteri è una reminiscenza fascista. Sono loro a dover essere selezionati all’inizio”.
Boato del pubblico, scroscio di applausi. Il filo è stato tirato, la trappola è scattata.

Gli interventi, di insegnanti, rappresentanti dei Sindacati, Dirigenti in aula sono tutti rivolti a Raimondo Donzel.
“Non ti arrabbiare Raimondo – arringa Alessia Démé del SAVT-École – ma qui non c’entra la destra o la sinistra, dobbiamo decidere cosa fare noi in Valle o accettare che non si possa fare niente”.
E Donzel risponde seccamente: “Non sono arrabbiato, non voglio gettare fumo negli occhi a chi non sarà assunto”.
“La scuola è da riformare, ma non con questo metodo. Ci vuole concertazione, discussione, non ricattare col discorso delle 100mila assunzioni. Non possono essere un ricatto per smantellare la scuola” è la posizione di Katya Foletto, FLC-CGIL.
Qualcuno lo arringa: “Due settimane fa eri in Piazza con gli insegnanti contro la riforma”.

In aula anche qualche Dirigente: “Lavorare con i collegi docenti, con gli insegnanti – spiega l’ex Sovrintendente all’Istruzione Patrizia Bongiovanni – è la parte gratificante del nostro lavoro. Perché le riforme non toccano mai i programmi, o un Esame di Maturità già nato vecchio?”.
Spazio, naturalmente anche agli insegnanti: “Ci lamentavamo di Berlusconi – attacca una di loro – questo è suo figlio illegittimo. Ma come fai a difendere questo buffone proprio tu, da insegnante?”.

In chiusura Ferrero arringa ancora la platea: “La ‘marchetta’ del Senatore Lanièce, la clausola di salvaguardia, non servirà a niente. Il MoVimento 5 Stelle farà da tramite tra voi e i nostri deputati e senatori. Non è vero che i soldi non ci sono, per la scuola privata li hanno trovati”.
Problema, questo, atavico nel mondo della scuola pubblica. Altro scroscio di applausi.

Donzel chiude, laconico. La serata è stata intensa per lui, la ‘spaccatura’ con una delle basi elettorali storiche del PD, gli insegnanti, è dolorosa. “Se passa la riforma la ricaduta sul territorio regionale sarà pesante. Noi stiamo lavorando per evitare che succeda, abbiamo riferito al Senatore Lanièce che il concetto della clausola è troppo debole”.

Gli strascichi della spaccatura politica si vedranno presto. La Renaissance est morte, vive la Renaissance. Per la ‘rinascita’ della scuola, invece, bisognerà aspettare ancora. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati