Le Arpa di nove regioni diverse confrontano i propri sistemi di monitoraggio ad Aosta

I laboratori mobili per il monitoraggio della qualità dell’aria di nove regioni diverse sono in questi giorni ad Aosta per un’esperienza di interconfronto promossa dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e dall’Arpa Vda
La centralina di rilevazione di piazza Plouves
Società

I laboratori mobili per il monitoraggio della qualità dell’aria di nove regioni diverse sono in questi giorni ad Aosta per un’esperienza di interconfronto promossa dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e dall’Arpa della Valle d’Aosta.

La comparazione riguarda in particolare modo il monitoraggio delle polveri sottili, Pm10. I laboratori mobili lavoreranno appoggiandosi alla centralina di monitoraggio di via 1° maggio ad Aosta. 

L’esperienza rientra fra le attività volte ad assicurare la piena confrontabilità delle misure eseguite in tutta Italia e a garantire un grado sempre maggiore di accuratezza delle misure.

A partecipare all’esperienza, richiesta da decreto legislativo 155/2010, sono le Arpa-Appa dell’Emilia Romagna, dell’Umbria, del Veneto, del Lazio, del Piemonte, della Lombardia, di Bolzano, del Friuli e della Toscana.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte