Lega Pro, il Comune di Aosta progetta uno stadio al Montfleury

Il Comune di Aosta ha affidato uno studio di fattibilità ad un pool di ingegneri e architetti per la realizzazione di un campo sportivo di valenza regionale, nell'area del Montfleury, in grado di ospitare partite della seconda divisione di Lega Pro.
Società

L’area sportiva del Montfleury si candida a diventare sede dello stadio del calcio professionistico valdostano. Il Comune di Aosta ha affidato uno studio di fattibilità al pool di ingegneri e architetti che dieci anni fa si aggiudicarono l’incarico di riprogettare l’area.

“Il tutto passa dall’approvazione – spiega il vice sindaco, nonché Assessore alle Opere pubbliche, Alberto Follien – della legge Aosta Capitale che, nei cinque assi, prevede la riqualificazione di quell’area. A suo tempo avevano dato un incarico per progettare delle gradinate e degli spogliatoi per lo Zambroni ma poi la legge sui grandi rischi ci aveva bloccati”.

Ora il Comune ci riprova e ha chiesto in particolare al gruppo di professionisti di mettere a punto alcune ipotesi per la realizzazione di un campo sportivo di valenza regionale in grado di ospitare partite della seconda divisione di Lega Pro (un minimo di 2500 posti a sedere), affiancato da uno o più campi da calcio e/o calcio a 5. In alternativa gli architetti dovranno prevedere di mantenere i tre campi di calcio attuali, eliminando la pista di rotellistica, e realizzando 4 o 5 campi di calcio a 5.

I tempi dell’incarico sono stretti. Il 15 ottobre è prevista la consegna degli elaborati. “Dobbiamo dare delle risposte alla Regione. – spiega ancora Follien – Ieri nel Consiglio della Plaine non è emersa una risposta chiara su dove potrebbe sorgere questa struttura. Il Comune di Aosta però sta facendo un ragionamento, alla luce del fatto che il Puchoz non può essere utilizzato come stadio perché si trova in centro città”.

In tempi di spending review, i nodi da sciogliere riguardano i costi. “Il problema certo sono i finanziamenti ma è anche una questione di scelte politiche – spiega Follien – soprattutto oggi dobbiamo ragionare nella logica di servizi associati fra i comuni della Plaine, anche per il calcio”.

Aspettando di conoscere se l’area del Montfleuri potrà ospitare lo stadio del calcio professionistico valdostano, il Vallée d’Aoste, con ogni probabilità, terminerà la sua prima stagione in Lega Pro, con la speranza che ne seguano altre, allo stadio di San Giusto Canavese.
 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte