Luciano Caveri è il nuovo Presidente della Regione Autonoma Valle d’Aosta

Lo aveva annunciato sul proprio sito una settimana fa e oggi Luciano Caveri è di fatto il nuovo Presidente della Regione Autonoma Valle d?Aosta. Ha ottenuto con 24 voti favorevoli e 9 schede bianche il ?placet? del...
Società

Lo aveva annunciato sul proprio sito una settimana fa e oggi
Luciano Caveri è di fatto il nuovo Presidente della Regione Autonoma Valle d?Aosta. Ha ottenuto con 24 voti favorevoli e 9 schede bianche il ?placet? del Consiglio regionale dopo le votazioni avvenute dopo le ore 13. Per Caveri hanno votato i consiglieri dell’Union Valdotaine e i diessini, i cui gruppi fanno parte organicamente della maggioranza. Il neopresidente ha ricevuto anche i voti di Federation Autonomiste. Le schede bianche sono state di Stella Alpina, Casa delle Libertà e Arcobaleno.
In neo Presidente è salito così sui banchi della Giunta per illustrare il programma “di indirizzo politico” ed ha consegnato ai Consiglieri regionali “un’integrazione del programma di legislatura politico regionale”. Caveri, ricordando la ricorrenza del 4 luglio, celebrazione dell?Indipendenza americana, ha parlato del futuro della Valle d?Aosta che impegnerà le forze del nuovo Governo nei prossimi mesi nel quadro europeo che si sta disegnando, per questo ha annunciato che sarà spesso il ?giro?: ?per terrestre rapporti per il bene della Valle d?Aosta?. Per Caveri bisogna guardare al futuro, voltare pagina e non soffermarsi sulla legislatura, ma pensare a ?l?avenir?, evidenziando che ?essere valdostani è un grande valore?. In particolare ha posto l’accento sulla necessità applicare le norme di attuazione intervenendo presso la Commissione paritetica. Per Caveri si deve, poi, “seguire da vicino l’evoluzione della Casa da gioco, il ruolo futuro dell’Università e saper rispondere alle esigenze della comunità”. Tra le priorità il neo presidente ha indicato “la questione demografica, dell’immigrazione, gli interventi sul territorio e sull’ambiente, i problemi finanziari e il Patto di stabilità, i fondi strutturali 2007-2013, i temi dell’occupazione e del lavoro”. Sul piano più propriamente politico Luciano Caveri ha definito “importante l’alleanza con i Democratici di sinistra” ed ha definito l’Union Valdotaine “il motore della politica valdostana che ha bisogno di una forte unità per evitare pericolose rotture”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società