Rapina nella villa del notaio Carlo Alberto Marcoz

Non è stata una notte serena quella passata dalla famiglia del giovane notaio Carlo Alberto Marcoz, 34 anni, residente in via Parigi. Ieri sera, infatti, poco prima delle 20, mentre il professionista entrava in casa, tre...
Società

Non è stata una notte serena quella passata dalla famiglia del giovane notaio Carlo Alberto Marcoz, 34 anni, residente in via Parigi. Ieri sera, infatti, poco prima delle 20, mentre il professionista entrava in casa, tre persone mascherate si sono intrufolate nella sua abitazione e, a volto coperto hanno minacciato i coniugi e si sono fatti aprire la cassaforte, che conteneva, secondo quanto riferito dagli inquirenti, circa 10 mila euro e vari gioielli del valore di circa 100mila euro. Carlo Alberto Marcoz, la moglie Ludovica Fantini, di 27 anni, e il figlioletto di soli 20 mesi, sono quindi stati rinchiusi in un bagno della casa mentre i rapinatori si allontanavano. E’ stato poi Carlo Aberto ad avvertire la polizia una volta riuscito ad uscire dalla finestra del bagno. Sono scattati subito i posti di blocco ma che non hanno portato a nulla. Nessuno dei tre ha subito comunque violenza. Nel 1998, la stessa villa della famiglia Marcoz era stata oggetto di un furto. approfittando del sonno del proprietario (il notaio Guido Marcoz, padre di Carlo Alberto) e dei familiari, un ladro si era impadronito di gioielli vari, due orologi di marca, 10 milioni di lire in contanti, prima di fuggire con la Mercedes del professionista.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società