Servizi antincendio al Tunnel del Monte Bianco, sindacati divisi

Le OO.SS. Confederale dei trasporti, escluse dal confronto fra Geie, Regione e Confsal (il sindacato privato dei Vigili del Fuoco) chiedono che venga aperto un tavolo di concertazione.
L'esercitazione binazionale sotto il Tunnel del Bianco
Società

Sindacati divisi sull’appalto per la gestione della sicurezza all’interno del Tunnel del Monte Bianco. Da una parte il Confsal, il sindacato dei Vigili del Fuoco settore privato accusa la  SITMB, la Società Italiana Traforo del Monte Bianco di aver ridotto di 3 milioni le risorse a disposizione per il nuovo appalto, dall’altra Cgil, Cisl, Savt e Uil si schierano dalla parte della società confermando che "le cifre proposte sulla pubblicazione del bando di gara per l’aggiudicazione del servizio di sicurezza sono solo valori indicativi", come già accaduto nelle precedenti gare.

Le OO.SS. Confederale dei Trasporti, escluse dalla riunione di lunedì scorso fra Regione, Geie e Confsal, nel confermare "la disponibilità ad operare in difesa dell’occupazione e della qualità dei sevizi al Tunnel del Monte Bianco" chiedono che venga aperto un  tavolo di concertazione per discutere "l’internalizzazione dei servizi antincendi e in caso di nuovo appalto esternalizzato dei servizi richiedono le garanzie di salvaguardia delle clausole sociali per i lavoratori impiegati".

 Cgil Cisl, Savt e Uil chiedono inoltre un incontro urgente alle parti interessate "al fine di ottenere le garanzie necessarie a mantenere i livelli raggiunti di sicurezza al Tunnel del Monte Bianco, che non possono, per gli accordi sottoscritti, essere ridimensionati."

Nei giorni scorsi intanto la Regione aveva convocato il sindacato Confsal, dopo le denunce di quest’ultimo, e il  GEIE Traforo del Monte Bianco, alla presenza di rappresentanti della ditta che attualmente ha in appalto il servizio. La riunione era nata dopo la richiesta della Confsal di attivare le procedure di conciliazione previste dalla legge 146/1990 sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali. Un nuovo incontro è stato fissato per il 17 dicembre.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte