Terremoto Abruzzo: inaugurata l’area polivalente di Lucoli

Nel paese, duramente colpito dal sisma del 6 aprile 2009, aveva operato nei giorni successivi al terremoto la protezione civile valdostano. Per realizzare l'opera dalla Valle d'Aosta sono arrivati 1 milione 234 mila 761 euro.
Società

E’ stata inaugurata oggi a Lucoli l’area polivalente realizzata in località San Menna finanziata dalla Regione, dagli Enti locali coordinati dal Celva e dalle donazioni di tanti cittadini valdostani. Nel paese, duramente colpito dal sisma del 6 aprile 2009, aveva operato nei giorni successivi al terremoto la protezione civile valdostano. "Proprio per il rapporto molto stretto venutosi a creare tra i nostri volontari della Protezione civile e la popolazione di Lucoli – ha dichiarato il Presidente Rollandin – la Valle d’Aosta ha deciso di destinare qui i propri aiuti, d’intesa con il Presidente dell’Abruzzo Gianni Chiodi.".

L’area é attrezzata con una rete di sottoservizi: acquedotto, fognatura, reti elettriche e telefoniche, reti del gas, tubazioni per predisposizioni impiantistiche urgenti e occasionali. La struttura prevede l’installazione di un gruppo elettrogeno al fine di assicurare l’operatività in qualsiasi condizione, permettendo a questo campo sperimentale di svolgere la propria funzione per la collettività, ma allo stesso tempo di essere trasformato in un presidio di protezione civile in poche ore, ospitando in sicurezza e nel massimo comfort possibile centinaia di persone.

La struttura che ospita la palestra è articolata su due livelli. Al piano terreno si trovano la palestra, i servizi, l’ingresso, un deposito e la centrale termica. Al piano primo si trova invece un vasto locale polivalente. La superficie complessiva calpestabile è di circa 500 metri quadrati e l’intera struttura risponde a tutte le normative sia relative agli standard educativi che a quelli tecnici.

Per realizzare l’opera dalla Valle d’Aosta sono arrivati 1 milione 234 mila 761 euro, di cui 800 mila euro dalla regione, 250 mila dalla finanza locale, in parte versati dal Celva, dai Comuni e dalle Comunità montane valdostane, circa 300 mila euro, in parte versati da cittadini e associazioni valdostane sui conti correnti bancario e postale aperti a tale scopo dalla regione stessa, circa 125 mila euro.

Nei versamenti sono confluiti anche i fondi raccolti tra i dipendenti pubblici valdostani che hanno versato il corrispettivo di un’ora di lavoro a favore dei terremotati, pari a oltre 30 mila euro, i fondi raccolti attraverso la vendita del CD Area Nuova – Valle d’Aosta per l’Abruzzo, curato dagli artisti valdostani, per oltre 7 mila euro, i fondi raccolti tra i maestri di sci valdostani e versati dalla loro associazione, per altri 12 mila euro.

I lavori sono stati curati e coordinati dall’architetto Corrado Binel, su incarico di Confindustria Valle d’Aosta, Confindustria edili e Confidi Valle d’Aosta.

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte