Traumi psicologici, una conferenza presenta dei nuovi contributi scientifici

Conferenza “Tornare a vivere dopo il trauma” in programma domani, martedì 10 giugno, dalle ore 20.45.
Società

"Focalizzare l’attenzione sui devastanti effetti del trauma psicologico nella vita delle persone e presentare l’innovativa tecnica terapeutica dell’EMDR, validata scientificamente e utilizzata anche dal servizio sanitario pubblico, come nel caso dell’Azienda sanitaria valdostana". E’ questo l’obiettivo della conferenza “Tornare a vivere dopo il trauma” in programma domani, martedì 10 giugno, dalle ore 20.45, a Palazzo regionale.

“Il trauma può essere considerato una profonda ferita del nostro Essere, della nostra anima, della nostra persona. – spiega Alfredo Mattioni, psicologo, psicoterapeuta e responsabile della Struttura di Psicotraumatologia e Riabilitazione cognitiva dell’Azienda USL Valle d’Aosta
Il più delle volte, almeno fino a qualche anno fa, chi era vittima di un grave evento traumatico psicologico ne sopportava le conseguenze per tutta la vita. Oggi, però, grazie alla tecnica dell’Emdr (Eyes Movement Desensitization and Reprocessing) è possibile risolvere molti casi, migliorando la qualità di vita di numerosi pazienti”.

Ospite dell’importante evento, con una relazione dedicata al trauma e alla sua cura, sarà Carmen Isabel Fernandez Reveles, Trainer ufficiale di EMDR in Italia, Presidente dell’Associazione nazionale e Vice Presidente dell’Associazione europea di EMDR. Il tema del trauma nella psicopatologia verrà trattato da Antonio Colotto, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL, mentre sarà affidata ad Alfredo Mattioni – promotore dell’evento – la presentazione della struttura da lui diretta e i primi dati di attività.

All’appuntamento saranno presenti inoltre Alessandro Trento, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Valle d’Aosta, Roberto Rosset, Presidente dell’Ordine dei Medici VdA e Antonio Fosson, Assessore regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte