Una comunità alloggio per anziani prenderà il posto della “micro” di Verrayes

Costerà circa 1 milione 700mila euro la nuova struttura socio sanitaria che verrà realizzata, nell’arco di quattro anni. Troveranno spazio nell’edificio il centro diurno per anziani, il consultorio e una comunità alloggio per persone autosufficienti.
Società

Costerà circa 1 milione 700mila euro la nuova struttura socio sanitaria che verrà realizzata, nell’arco di quattro anni, nel comune di Verrayes. Oggi, martedì 3 agosto, è stato firmato l’accordo di programma fra il presidente della Regione, Augusto Rollandin, e il primo cittadino di Verrayes, Erik Lavevaz: un atto che permetterà ora di avviare le procedure di progettazione e d’appalto.

Troveranno spazio nell’edificio il centro diurno per anziani, il consultorio e una comunità alloggio per persone autosufficienti. “Si conclude – ha dichiarato il sindaco Erik Lavevaz – una fase particolarmente complicata e ora possiamo passare alla progettazione”. Il numero di anziani ospitati nell’attuale micromunità, infatti, si è rivelato insufficiente per giustificare il progetto di ristrutturazione. E dopo la valutazione delle strutture già presenti sul territorio del distretto sanitario numero 3, la Comunità montana Monte Cervino ha deciso una sorta di ‘riconversione’ in centro diurno e comunità alloggio.

“In tutta la  Valle – ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Albert Lanièce – sono oggi 1085 gli anziani ospitati nelle microcomunità. Da alcuni anni abbiamo iniziato un piano di ampliamento e adattamento delle strutture per il quale andremo a spendere circa 50milioni di euro entro il 2013 – 2014. Ed entro i tempi di conclusione dei lavori saranno necessari circa 1190 posti”.

 Attualmente sono circa 500 le persone che lavorano nelle micromunità: “Si tratta di uno dei maggiori centri di occupazione  della Regione – ha detto Rollandin – per i quali stiamo investendo molto anche in termini di occupazione”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte