Eventi di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 1 Febbraio 2020 9:37

Benedetta Tobagi presenta “Piazza Fontana il processo impossibile”

Aosta - Martedì 4 febbraio 2020 presso la sala Maria Ida Viglino di Palazzo regionale ad Aosta, dalle ore 17.30, si terrà la presentazione del volume di Benedetta Tobagi "Piazza Fontana Il processo impossibile".

Benedetta TobagiBenedetta Tobagi

Martedì 4 febbraio 2020 presso la sala Maria Ida Viglino di Palazzo regionale ad Aosta, dalle ore 17.30, è prevista la presentazione del volume di Benedetta Tobagi: Piazza Fontana Il processo impossibile edito da Einaudi. La presentazione avverrà alla presenza dell’autrice, nel cinquantesimo anniversario della strage di piazza Fontana a Milano alla Banca dell’Agricoltura del 12 dicembre 1969 che fece 17 vittime e 88 feriti. La prima di una lunga serie nell’Italia repubblicana.

Porteranno gli indirizzi di saluto Emily Rini, Presidente del Consiglio regionale della Valle d’Aosta e François Stévenin, Presidente dell’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d’Aosta. Modera Vilma Villot Direttrice dell’Istituto. Introdurrà Maria Pia Simonetti, membro del Consiglio Direttivo dell’Istituto

« A 50 anni dalla strage, lungo il percorso di processi e politica, l’autrice Benedetta Tobagi, in un racconto serrato e documentatissimo, indaga la strage di piazza Fontana (12 dicembre 1969) a partire dal primo processo sull’attentato. Un processo-labirinto celebrato tra Milano, Roma e infine Catanzaro nell’arco di quasi vent’anni. Prima di essere affossato da assoluzioni generalizzate, esso porta alla luce una sconcertante trama di depistaggi e accerta le pesanti responsabilità dei terroristi neri e di alcuni ufficiali dei servizi segreti fino a trasformarsi in un processo simbolico allo Stato.

Una ricostruzione che si arricchisce e trova sostanziali conferme nei decenni successivi. Piazza Fontana sottopone il sistema della giustizia a una torsione estrema; è un incubo, ma insieme un risveglio. Se da un lato la tragedia dell’impunità alimenta un profondo sentimento di sfiducia, dall’altro comporta una dolorosa presa di consapevolezza che contribuisce alla maturazione di una coscienza critica in ampi settori del mondo giudiziario e tra i cittadini. »
***
Benedetta Tobagi è nata a Milano nel 1977. Laureata in filosofia, Ph.D in storia presso l’Università di Bristol, continua a lavorare sulla storia dello stragismo con una borsa di ricerca presso l’Università di Pavia. È stata conduttrice radiofonica per la Rai e collabora con «la Repubblica». Nel 2011 ha vinto il “Premiolino”, per la sua attività giornalistica. Dal 2012 al 2015 è stata membro del Consiglio di Amministrazione della Rai. Segue progetti didattici sulla storia del terrorismo con la Rete degli archivi per non dimenticare.

Ha pubblicato i volumi Come mi batte forte il tuo cuore. Storia di mio padre (Einaudi 2009 e 2011), Una stella incoronata di buio. Storia di una strage [volume dedicato alla ricerca sulla strage di Piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974] (Einaudi 2013 e 2019), La scuola salvata dai bambini. Viaggio nelle classi senza confini (Rizzoli 2016 e 2017) e Piazza Fontana. Il processo impossibile (Einaudi 2019).

L’evento è promossa  dall’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d’Aosta in colaborazione con la Presidenza del Consiglio regionale della Valle d’Aosta.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo