Eventi

Ultima modifica: 22 Marzo 2019 10:11

Giornate FAI di primavera, apertura straordinaria del castello di Saint-Pierre

Saint-Pierre - Nell’ambito delle iniziative organizzate dal FAI in Valle d’Aosta è prevista per sabato 23 e domenica 24 marzo l’apertura straordinaria del castello di Saint-Pierre.

Castello di Saint PierreCastello di Saint Pierre

Sabato 23 e domenica 24 marzo, nell’ambito delle iniziative organizzate dal FAI in Valle d’Aosta, con la collaborazione della sezione locale, è in programma l’apertura straordinaria del castello di Saint-Pierre.

Il castello domina la vallata centrale con il suo aspetto fiabesco grazie alle quattro torrette decorative a pianta circolare collegate tra loro da un camminamento. Ospitando dal 1985 il Museo Regionale di Scienze Naturali Efisio Noussan, è divenuto simbolo della storia naturale valdostana.

All’inizio degli anni 2000, è emersa la necessità di un intervento di restauro conservativo e di allestimento museografico che ne ha comportato la provvisoria chiusura al pubblico. La visita consentirà di conoscere la storia dell’edificio monumentale e del museo.

Visite a cura del personale dell’Assessorato Ambiente, Risorse naturali e Corpo forestale, Dipartimento Ambiente, Struttura Biodiversità e aree naturali protette e dell’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, Dipartimento Soprintendenza per i beni e le attività culturali.
Introduzione alla visita a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto Professionale “Corrado Gex” di Aosta.

La visita non è accessibile ai disabili ed è libera, senza bisogno di prenotazione. Avranno la precedenza gli iscritti al FAI con la tessera valida per l’anno 2019.
All’arrivo saranno esposte le indicazioni per il parcheggio dal quale partirà una navetta, messa a disposizione dal Comune, che condurrà al castello.

Le visite sono previste ogni 15 minuti. L’organizzazione consiglia di arrivare 30 minuti prima dell’orario di ingresso e di indossare scarpe comode.

Per maggiori informazioni consultare il sito web della Fondo Ambiente Italiano:

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>