Eventi di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 11 Dicembre 2018 9:03

Pont-St-Martin, presentazione del libro “Troppi diritti – l’Italia tradita dalla libertà”

Pont-Saint-Martin - Nell’ambito della rassegna Quattro chiacchiere in biblioteca, venerdì 14 dicembre alle ore 21 a Pont-Saint-Martin, si terrà la presentazione del libro Troppi diritti - l’Italia tradita dalla libertà, del giornalista Alessandro Barbano.

Alessandro BarbanoAlessandro Barbano

Venerdì 14 dicembre alle ore 21, presso Centre culturel di Villa Michetti, la rassegna Quattro chiacchiere in biblioteca, propone un incontro per un approfondimento su una malattia endemica del nostro tempo: il dirittismo. Ossia l’esaltazione o ipertrofia dei diritti contro l’eclisse dei doveri, dei legami collettivi e dell’identità. Situazione particolarmente evidente oggi in Italia, paese dove la crisi della democrazia e della politica risulta più acuta: da internet alla piazza, dalla magistratura ai talk show, passando infine per il mito dell’Europa. I doveri spariscono e si trasformano in pretese, spesso anche contradditorie e controproducenti, che hanno portato ad azioni produttive di effetti per la collettività senza che ciò comportasse assumerne la responsabilità morale. Si è determinata così una forza fuori controllo delle democrazie sintetizzabile in un menefreghismo individualista. L’ospite sarà il giornalista Alessandro Barbano e l’occasione sarà la presentazione del suo libro Troppi diritti – l’Italia tradita dalla libertà.

Barbano ritrae una Italia incapace di riavvicinare le generazioni spostando le responsabilità dai vecchi a i giovani, di proteggere il capitale umano e di invertire il flusso dei cervelli in fuga, di valorizzare il merito, di dare efficienza alla pubblica amministrazione, un paese soffocato dalle lobby, ma incapace di dare un nuovo senso alla solidarietà sociale.Il dirittismo investe la sinistra e la destra tradizionali e anche le forze antisistema che portano avanti il mito della democrazia diretta e della rete contro ogni delega politica e gerarchia del potere. Il sapere e la verità sono scollegati dal valore della ricerca e dallo studio e sono pertanto soggettivi. Ogni singolo è portatore di una verità a prescindere dal sapere e dalle competenze, la forza legittimante non è qualitativa, ma quantitativa e assume la figura consumistica di un clic internettiano senza necessità di approfondimento né di giustificazioni. Un tema particolarmente attuale e un approfondimento di grande interesse, anche per il posizionamento controcorrente rispetto al pensiero maggioritario in tema di diritti individuali, sempre considerati prioritari rispetto ai doveri.Un incontro importante per chi crede che oltre ai diritti esistano anche i doveri.L’obiettivo degli incontri di Quattro chiacchiere in biblioteca è affrontare il tema con esperti tecnici in modo da avvicinarsi a problemi complessi con una maggiore conoscenza dei diversi argomenti.

Alessandro Barbano è un giornalista e saggista. Dal 2012 è direttore del “Mattino” di Napoli. Laureato in giurisprudenza all’università di Bologna, ha alle spalle quasi quarant’anni di professione. Ha insegnato all’università La Sapienza di Roma, all’università del Molise, alla Link Campus University e all’istituto di studi superiori Suor Orsola Benincasa di Napoli. È autore di saggi dedicati al giornalismo e libri su temi di carattere politico e sociale: Professionisti del dubbio (1997), L’Italia dei giornali fotocopia (2003), Degenerazioni. Droga, padri e figli nell’Italia di oggi (2007), Dove andremo a finire. Dialoghi con Alessandro Barbano (2011). Nel 2012 ha pubblicato il Manuale di giornalismo, scritto in collaborazione con Vincenzo Sassu, adottato come libro di testo in molte università italiane. Del 2018 è Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>