Eventi

Ultima modifica: 14 Febbraio 2019 10:58

Presentazione del libro un’altra immagine di me alla Biblioteca regionale

Aosta - Sabato 23 febbraio alle ore 16.30 alla biblioteca regionale di Aosta verrà presentato il volume: Un'altra immagine di me. Adulti adottati oggi genitori: un percorso di narrazione, di Greta Bellando. A cura dell'associazione A.G.A.p.e.

Greta Bellando_un'altra immagine di meGreta Bellando_un'altra immagine di me

Sabato 23 febbraio alle ore 16.30 nella sala conferenze della biblioteca regionale di Aosta verrà presentato il volume “Un’altra immagine di me”. Adulti adottati oggi genitori: un percorso di narrazione, di Greta Bellando – Ed. ETS. A cura dell’associazione A.G.A.p.e.

L’autrice
Greta Bellando, pedagogista, si occupa di adozione dal 2012. Ha iniziato il suo percorso di formazione scrivendo le sue tesi di laurea: la prima focalizzata sulle voci dei genitori adottivi e l’inserimento del bambino in famiglia e a scuola. La seconda sul ritorno alle origini e sulla genitorialità degli adottati. Attualmente frequenta il master di II livello: ‘Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione’.

L’opera
In questo libro passiamo attraverso degli incontri, di storia in storia e di voce in voce accompagnati dalla narrazione dell’autrice. Il tema è quello del divenire genitori, le voci quelle di tante persone adottate. Voci che è nostro privilegio ascoltare grazie alellando contatto che l’autrice ha saputo creare con i protagonisti. È attraverso questo contatto, questa capacità e voglia di ascolto, che è nata la possibilità delle persone intervistate di narrarsi e quindi di darsi a noi lettori. In questo modo ci viene permesso di far parte di una riflessione sul senso del diventare padri e madri quando si è diventati figli per adozione.
Concepire un figlio, dare alla luce un figlio, adottare un figlio significa sempre misurarsi con se stessi e la propria storia di figli. Scommessa sul futuro che richiama e rievoca quello che sta alle nostre spalle, il nostro passato.
Ciò che incontriamo in questo libro è, dunque, un pensiero complesso sul proprio passato e sui propri figli. Un pensiero che si misura con la propria storia e con quello che si sa di essa. Incontriamo riflessioni sulla propria madre di origine, pensieri, percezioni, di quello che può essere stato per loro una gravidanza nel contesto che poi ha portato a lasciare i figli, sulla loro situazione di donne, sulle loro scelte e sulle loro “non scelte”.
Non sono ancora molti i testi che permettono di fare un viaggio come quello che compare in queste pagine. Si tratta di un’assenza che era importante cominciare a riempire. Questo libro lo fa con grande semplicità e umiltà. Attraverso le voci dei protagonisti, le donne e gli uomini adottati che nel diventare genitori ci donano una parte di sé, della propria identità, del proprio pensiero sulla propria storia, del senso di appartenenza e somiglianza e di cosa significhi essere genitori e figli.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>