Eventi di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 27 Luglio 2020 16:33

Roberto Camurri primo ospite della rassegna Autori in Vetta a Courmayeur

Courmayeur - Martedì 28 luglio 2020, al Jardin de l'Ange la rassegna letteraria Autori in Vetta ospiterà nel suo primo appuntamento estivo lo scrittore Roberto Camurri che presenterà il suo ultimo romanzo: "Il nome della madre".

Roberto CamurriRoberto Camurri

Martedì 28 luglio 2020 alle ore 18 al Jardin de l’Ange di Courmayeur, prende il via la rassegna letteraria Autori in Vetta, per autentici booklovers. La rassegna prevede sette eventi che porteranno a Courmayeur autori notevoli del panorama editoriale italiano e non solo. Un’edizione estiva che continuerà a promuovere cultura e lettura con eventi che rispetteranno in tutto e per tutto le disposizioni di sicurezza indicate.

Paola Zoppi, giornalista e curatrice della rassegna incontrerà lo scrittore Roberto Camurri in occasione della recente uscita del suo romanzo “Il nome della madre“, NN editore.

Da quando sua moglie se n’è andata senza spiegazioni, Ettore vive da solo con il figlio piccolo a Fabbrico, nel cuore della pianura padana. L’assenza della moglie popola la mente di Ettore, che oscilla tra i teneri ricordi di lei, donna imperscrutabile e feroce, e gli sforzi furiosi di dimenticarla, di non vederla in ogni espressione del figlio, Pietro, che le assomiglia così tanto. Anni dopo sarà Pietro a ereditare questo vuoto, in perenne conflitto con il padre, con Fabbrico e i suoi campi vasti e opprimenti. Pietro vuole amare Miriam, la ragazza che lo fa sentire al sicuro, ma quella sicurezza lo spaventa, lasciandolo solo di fronte alle sue emozioni. E cresce nella speranza di trovare una traccia, un ricordo, un indizio per provare a capire la donna che li ha abbandonati e di cui lui non ha memoria, per poter immaginare un futuro, il suo, che continuamente gli sfugge.
Dopo le storie di amicizia di A misura d’uomo, Roberto Camurri torna con un romanzo intimo e familiare, e con voce sincera e appassionata ci parla di sentimenti espressi a fatica, spesso condivisi in silenzio, che palpitano sotto la pelle dei personaggi guidandoli alla ricerca del loro posto nel mondo.

Questo libro è per chi batte le mani per vedere le piume verdi di un fagiano che si alza in volo. Per chi si lascia cullare da una Canzone quasi d’amore. Per chi non teme lo sguardo penetrante della strega di Fabbrico, e per chi ha creduto di desiderare un futuro incerto, ma poi è rimasto a contemplare l’orizzonte di nuvola che segna il confine della sua pianura.

Per maggiori informazioni visitare il sito di Courmayeur MontBlanc: 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>