Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 12 Aprile 2017 17:36

E’ morto nel pomeriggio il 61enne di Challand-St-Anselme feritosi con una pistola

L’uomo, Augusto Champorney, è deceduto all'ospedale "Parini", dove era arrivato in condizioni disperate, dopo essere stato soccorso in casa. Sull’accaduto indagano i Carabinieri. L’ipotesi maggiormente accreditata è quella del suicidio.

Carabinieri (foto d'archivio)

Non ce l’ha fatta Augusto Champorney, il 61enne di Challand-Saint-Anselme arrivato stamattina all’ospedale di Aosta, in condizioni disperate, dopo essersi ferito con una pistola. L’uomo, raggiunto al capo da un proiettile partito dall’arma che aveva tra le mani, era giunto incosciente al “Parini” nella mattinata di oggi, mercoledì 12 aprile, dopo essere stato soccorso in casa sua, in frazione Tilly, dove Carabinieri e 118 (intervenuto con l’elicottero) erano accorsi, allertati da un familiare che, da una stanza vicina, aveva sentito lo sparo. La sua situazione è apparsa critica da subito ai sanitari, al punto che non è stato possibile tentare un intervento operatorio d’urgenza. Champorney è deceduto nel pomeriggio. Sull’accaduto indagano i Carabinieri del Comando stazione di Brusson. L’ipotesi maggiormente accreditata, al momento, è quella di un gesto compiuto con intento suicida.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo