Frana La Saxe, crollato un blocco di migliaia di metri cubi: collasso sempre più vicino /VIDEO

Ieri sera dopo il distacco di un grande blocco di alcune decine di migliaia di metri cubi di detriti e roccia il sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard, ha avviato subito la procedura di emergenza.
Frana Mont de la Saxe
Cronaca

Ieri sera, poco dopo le 20, un grande blocco di alcune decine di migliaia di metri cubi di detriti e roccia si è staccato dalla frana del Monte de la Saxe. Il sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard, ha avviato subito la procedura di emergenza: l’intero perimetro di sicurezza è stato chiuso, così come l’ultimo tratto di strada statale 26 che conduce al traforo del Monte Bianco, rimasto chiuso per circa tre ore fino alla riapertura, ieri sera prima di mezzanotte. Il transito internazionale attraverso il Traforo è stato ripristinato nei due sensi di marcia per tutti i veicoli  e di conseguenza è stato disattivato il piano di viabilità transalpina che consente di deviare la circolazione verso itinerari alternativi.

La frana aveva accelerato la sua corsa ieri pomeriggio, come ha spiegato Davide Bertolo, dirigente della struttura Attività geologiche della Regione. I crolli sono ormai continui e il collasso "appare sempre più vicino". La massa di terra e detriti si sposta alla velocità di 30 centimetri orari (5mm al minuto). Con lo scenario più recente inoltre, il volume dello smottamento che dovrebbe crollare è aumentato da 265.000 metri cubi a 350.000-400.000 metri cubi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte