Giacche “tarocche” sequestrate all’autogrill di Brissogne

La soffiata sulla presenza all’interno del market di materiale “non originale” è stata fatta alla polizia da un cittadino francese, rivelatosi poi essere Alain Vuarnet, presidente dell'omonima società internazionale produttrice di abbigliamento sportivo.
Merce contraffatta
Cronaca

Cinque giacche a vento, tre gilè senza maniche, sei felpe e cinque sacche sportive, tutte contraffate. Sono questi i capi di abbigliamento sportivo sequestrati ieri sera, intorno alle 23, dalla polizia stradale di Aosta presso l’area di servizio Les Iles di Brissogne.

La soffiata sulla presenza all’interno del market di materiale “non originale” è stata fatta alla polizia da un cittadino francese, rivelatosi poi essere Alain Vuarnet, presidente dell’omonima azienda di abbigliamento tecnico sportivo (nata negli anni ’60 come produttrice dei celebri occhiali da sole) che si è accorto della truffa, insospettito dal basso prezzo della merce esposta, avvertendo la polizia.

Da parte sua, il titolare ha spiegato di non conoscere le società importatrici indicate sulla merce, né di produrre tali materiali nella Repubblica Popolare Cinese, come indicato dalle etichette presenti sui capi. In ogni caso, il materiale è stato sottoposto a sequestro e ora sono in corso i necessari accertamenti per stabilire la provenienza e ricostruire i canali di distribuzione della merce.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte