Operazione antibracconaggio: chiuse le indagini. Alcuni dei 36 indagati chiedono di patteggiare

L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Pasquale Longarini, era iniziate nell'agosto dello scorso anno, quando era stato arrestato Ivo Comé, 55 anni di Gignod.
Il materiale sequestrato dal Corpo forestale valdostano
Cronaca

Alcuni dei trentasei indagati nell’ambito di un’operazione antibracconaggio del corpo forestale valdostano hanno chiesto di poter patteggiare. L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Pasquale Longarini, era iniziate nell’agosto dello scorso anno, quando era stato arrestato Ivo Comé, 55 anni di Gignod.

Da lì erano partite perquisizioni a tappetto, che a febbraio avevano portato all’arresto di altre persone. In totale erano finite nei guai 36 persone. Durante l’intera operazione erano state sequestrate armi, alcune con matricola abrasa, silenziatori, cannocchiali con lenti a raggi infrarossi oltre a cartucce e in alcuni casi anche candelotti di dinamite. Nelle abitazione di alcuni degli indagati erano state trovate anche pelli di animali protetti e nei congelatori tranci di selvaggina.

Nelle scorse settimante, il sostituto procuratore ha chiuso le indagini per: Ivo Comé, 55 anni di Gignod; Ettore Vaudagnotto, 54 anni di Saint-Marcel; Ezio Letey, 72 anni di Sarre; Sergio Joly, 43 anni di Arnad; Giulio Pietro Bagnod, 63 anni di Pont-Saint-Martin; Adriano Donini, 57 anni di Arnad; Alder Chappoz, 58 anni di Donnas; Mauro Bosonin, 47 anni di Donnas; Vincenzo Erminio Revil, 67 anni di Brusson; Dino D’Herin, 63 anni di Monjovet; Ferruccio D’Herin, 53 anni di Champdepraz; Gisella Champurney, 51 anni di Montjovet; Renzo Champurney, 60 anni di Arnad; Sergio Ganis, 66 anni di Issogne; Lino Brulard, 58 anni di Nus; Mario Costabloz, 53 anni di Issogne; Egidio Colliard, 66 anni di Arnad; Domenico Martinelli, 62 anni di Pont-Saint-Martin; Maurizio Brunier, 57 anni di Fénis; Pasquale Martignene, 53 anni di Arnad; Arduino Rizzi, 60 anni di Hône; Agostino Dublanc, 54 anni di Issogne; Albino Sarteur Bagnod, 41 anni di Champdepraz; Serafino Sarteur Bagnod, 62 anni di Champdepraz; Stefano Rizzi, 35 anni di Champocher; Stefano Bottan, 45 anni di Donnas; Italo Avoyer, 44 anni di Saint-Rhémy en Bosses, Bruno Ronc, 68 anni di Saitn-Rhémy en Bosses; Giovanni Berrutti, 69 anni di Aosta; Marco Berrutti, 44 anni di Aosta; Faustino Desandré, 60 anni di Quart; Raffaele Creux, 50 anni di Issogne; Aldo Challancin, 77 anni di Arnad; Augusto Désandré, 54 anni di Aosta; Jean Martignene, 27 anni di Arnad e Angelo Challancin, 90 anni di Arnad.

Le accuse vanno dalla detenzione abusiva di armi comuni da sparo, all’alterazione delle caratteristiche meccaniche delle armi, alla detenzione illegale di munizioni.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte