Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 2 Dicembre 2019 9:50

Snowboarder piemontese muore dopo la caduta in un crepaccio in Svizzera

L'incidente è avvenuto ieri, sabato 30 novembre, sul ghiacciaio del Teodulo, vicino al confine con la Valle. L'uomo, 47 anni, è precipitato nelle viscere del ghiacciaio per una ventina di metri.

Air Zermatt

Uno snowboarder piemontese di 47 anni, Domenico Proscia, avvocato di Asti, è morto nella serata di ieri, sabato 30 novembre, in ospedale a Berna (Svizzera), per le conseguenze riportate nella caduta in un crepaccio, sul ghiacciaio del Teodulo, vicino al confine con la Valle.

L’uomo – fa sapere la Polizia cantonale del Vallese – attorno alle 13.30 aveva lasciato le piste battute nel comprensorio elvetico del Piccolo Cervino per effettuare del fuoripista e, a circa 3.700 metri di altitudine è caduto nella voragine, profonda una ventina di metri.

I soccorsi sono rapidamente intervenuti, ma il recupero dello sciatore non è stato semplice, richiedendo circa tre ore. Una volta estratto, l’elicottero di Air Zermatt lo ha trasportato anzitutto all’osepdale di Viège, quindi – viste le sue condizioni gravi – è stato trasferito a Berna, dove i tentativi dei medici di salvarlo, anche con un intervento chirurgico, sono stati purtroppo vani. Il pubblico ministero elvetico ha aperto un’inchiesta sull’accaduto.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>