A scuola a piedi. 150 bambini “offrono un piccolo contributo per un grande cambiamento”

Sono 150 i bambini di 4 scuole del Comune di Aosta che grazie al servizio Pedibus vanno a scuola a piedi accompagnati da un operatore formato. Da oggi i bambini saranno riconoscibili grazie a delle pettorine gialle messe loro a disposizione da una ditta.
La consegna delle pettorine ai bambini
Cultura

Sono 150 i bambini di quattro scuole di Aosta che, ogni mattina, dal lunedì al venerdì, usufruiscono del servizio Pedibus offerto dal Comune di Aosta.

Le famiglie di questi bambini, iscritti alle scuole primarie di via Parigi, del Quartiere Cogne, del Ponte di Pietra e di Piazza San Francesco, hanno deciso infatti di lasciare a casa la macchina e di fare andare i propri figli a piedi a scuola accompagnati da alcuni operatori formati e messi a disposizione da una cooperativa.

“Una scelta importante – ha sottolineato il Mobility manager del Comune di Aosta, Marcello Dondeynaz – che porta i bambini ad abituarsi a camminare, che stimola la socializzazione e che soprattutto aiuta a ridurre il traffico e l’inquinamento”.

Il servizio, attivo dall’anno 2004/2005, prevede in tutto nove linee Pedibus, l’ultima delle quali attivata presso la scuola primaria di piazza San Francesco che prevede l’accompagnamento di un gruppo di 60/70 bambini dalla scuola al Convitto Federico Chabod.

Da oggi questi bambini  che offrono, ha ricordato l’Assessore comunale all’istruzione, Guido Cossard, “un piccolo contributo ad un grande cambiamento”, potranno essere riconosciuti grazie a delle pettorine gialle che la ditta Sicardi Vivai ha deciso di offrire loro.

La consegna delle pettorine ai bambini è avvenuta questa mattina nel salone ducale del Municipio di Aosta alla presenza del comandante della polizia municipale, Fabio Fiore e degli assessori comunali alla mobilità, Marino Guglielminotti Gaiet e alle Opere pubbliche, Alberto Follien.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura