Ad Irisa Pjollaj e Alice Brunod la decima edizione del Concours Trèves

Le due studentesse riceveranno sabato prossimo, 7 giugno, dalle 15 presso la sede della sezione valdostana dell'Upf, gli attestati di partecipazione e i relativi premi. Per partecipare alla prossima edizione gli studenti hanno tempo fino al 7 dicembre.
Cultura

Irisa Pjollaj, studente della scuola media Einaudi di Aosta e Alice Brunod, del Liceo Scientifico, pedagogico, linguistico e sociale di Verres sono le vincitrici della decima edizione del Concours Trèves, il concorso promosso dalla sezione valdostana dell’Upf – Union internationale de la presse francophone, per incoraggiare i giovani a scrivere in francese e a studiare e conoscere la cultura valdostana.

Le due studentesse riceveranno sabato prossimo, 7 giugno, dalle ore 15 presso la sede dell’Upf, gli attestati di partecipazione e i relativi premi. In particolare ad Irisa Pjollaj, autrice di un articolo sui carnevali della Valle d’Aosta andrà una dotazione di libri del valore di 250 Euro mentre ad Alice Bruno che si è cimentata nella redazione di un articolo sull’attualità del pensiero e dell’opera dell’Abbé Gorret,  sarà data l’opportunità di svolgere uno stage nella redazione di un giornale di espressione francese e una borsa di studio di 1.500 Euro.

La sezione valdostana dell’Upf ha lanciato nel frattempo l’undicesima edizione del concorso composto di due sezioni aperte rispettivamente agli studenti delle classi terze delle istituzioni scolastiche di primo grado e agli studenti delle quinte delle superiori. La prima sezione del concorso chiede ai ragazzi di comporre un articolo di 2000/3000 caratteri sul bilinguismo della Valle d’Aosta mentre nella seconda sezione, l’articolo dovrà riguardare l’attualità del pensiero e dell’opera di  Jean-Baptiste Gal. Gli studenti interessati a partecipare hanno tempo per iscriversi, presso la sezione valdostana dell’Upf di via De Tillier 3 ad Aosta,  entro il prossimo 7 dicembre.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura