Conoscere le altre culture, giocando. Un progetto dell’Istituzione Evançon 2

Promuovere l’educazione interculturale nella scuola e nel territorio, migliorare la comunicazione sia a scuola che con le famiglie degli alunni stranieri, favorire la continuità scuola-territorio. Sono gli obiettivi del progetto “Star bene insieme”
Cultura

Promuovere l’educazione interculturale nella scuola e nel territorio, migliorare la comunicazione sia a scuola che con le famiglie degli alunni stranieri, favorire la continuità scuola-territorio. Sono gli obiettivi del progetto “Star bene insieme” rivolto ai bambini delle scuole dell’infanzia e delle primarie dell’Istituzione scolastica Evançon 2.

Il progetto è teso a integrare gli alunni stranieri e a promuovere la conoscenza delle diverse culture, riscoprendo al contempo usanze e tradizioni locali.
Nell’iniziativa rientrano progetti di mediazione linguistica per gli alunni stranieri e le loro famiglie e i progetti di educazione interculturale rivolti a tutti gli alunni. Inoltre, per il terzo anno, dal 14 al 29 maggio 2010, si terranno le “Giornate dell’intercultura-Girotondo dell’Amicizia”, dedicate al “Gioco nel mondo”.

Dal 18 al 28 maggio, presso il Salone della Biblioteca di Verrès gli alunni della scuola dell’infanzia e primaria parteciperanno a laboratori didattici gestiti da insegnanti e mediatori culturali, per promuovere la conoscenza delle culture in relazione alla tradizione locale, sperimentando giochi di diverse parti del mondo.

L’iniziativa prevede anche momenti aperti al pubblico. In particolare il 14 maggio alle 20.30 si terrà presso il  Salone Bonomi di Verrès una conferenza per scoprire le diverse culture attraverso il tema del gioco che sarà tenuta dalle mediatrici culturali Elisabetta Conti per l’India, Haiat Najoui per il Marocco, Mirela Mihaiu per la Romania. Inoltre l’esperto locale Pierino Daudry presenterà le sue ricerche sui giochi d’un tempo in Valle d’Aosta.

Il 18 maggio alle 20.30 all’auditorium di Issogne è in programma la seconda conferenza dal titolo “L’educazione interculturale nella scuola” con Franca Bosc, docente di lingua 2 presso l’Università di Milano, Rachida Adlani e Ranzie Mensah, mediatrici culturali, Lorena Borettaz e Lucia Vassoney, insegnanti dell’istituzione e responsabili del progetto.

L’iniziativa si chiuderà il 29 maggio dalle ore 19.00 presso l’Espace Loisirs di Verrès con una festa per bambini e genitori, presentata dagli alunni della scuola e dall’animatrice Ranzie Mensah. Saranno presenti all’appuntamento i Tamtando con il musicista brasiliano Gilson Silveira, i ragazzi dell’Istituto musicale, i ragazzi della minibanda di Verrès e di Montjovet, Maria Pia Simonetti con alcune fiabe animate e il “Le travai d’in co” di Arnad per esporre alcune pratiche artigianali. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura