FOTOCultura e spettacolo

Ultima modifica: 13 Gennaio 2020 11:23

I Carnavals de Montagne riconquistano Aosta: la galleria fotografica

Aosta - Tantissima gente, infatti, è accorsa questo pomeriggio per assistere alla coloratissima sfilata dei gruppi carnevaleschi legati alla tradizione valdostana.

A distanza di otto anni dall’ultima apparizione tra le vie del centro storico, i Carnavals de Montagne sono tornati e hanno riconquistato Aosta. Tantissima gente, infatti, è accorsa questo pomeriggio per assistere alla coloratissima sfilata dei gruppi carnevaleschi legati alla tradizione valdostana: più di 600 persone, grandi e piccini, mascherati e pronti a fare divertire il pubblico accorso in massa lungo il percorso.

Il Carnevale di Montagna vede sfilare nel centro di Aosta, in un grande rito carnevalesco tutti i carnevali rituali (i più celebri quelli della Coumba Freide) e tutti i carnevali storici, dove si rievocano vicende o situazioni del passato (come quelli di Verrès, Pont-Saint Martin, Nus, Quart) della Valle d’Aosta, nonchè di alcuni paesi ospiti, che con le loro maschere arricchiscono ulteriormente questa grande festa.

A questa edizione hanno partecipato, con maschere, costumi e musica, Le Beuffon di Courmayeur; Le Groupe historique Chatel Argent di Villeneuve; Le Comité 4 Tor di Aymavilles; I Messaggeri Alati; Gli Arlecchini di Gressan; MasqueAoste; La Signoria di Aosta; Le Landzette dei vari Carnevali della Coumba Freide; Le Comité du Car-Naval di Quart; Le Comité de Villefranche di Quart; Lo Storico di Nus; Les Chevaliers des Arpitans – Nus; Le Cors dou Heralt Gruppo Storico; La Dama Bianca del Breuil; Il Carnevale dei Piccoli di Saint-Vincent; Lord & Lady Stallard ed il Gruppo storico di Champdepraz; Il Carnevale storico di Verrès; Le Château d’Issogne;  I Pifferi e i Tamburi di Arnad.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>