I giovani bocciano la loro Cittadella: “non siamo coinvolti nell’organizzazione degli eventi”

A dirlo è un’indagine condotta dai Giovani comunisti su un campione di 293 ragazzi. La maggioranza di questi dichiara di averla frequentata di rado, il 54,5%, o di non averla mai frequentata, il 40%.
La futura Cittadella dei Giovani
Cultura

La Cittadella dei giovani non sembra piacere ai giovani. A dirlo è un’indagine condotta dai Giovani comunisti tra il 10 e il 25 aprile scorso su un campione di 293 ragazzi.
La maggioranza di questi dichiara di averla frequentata di rado, il 54,5%, o di non averla mai frequentata, il 40%. Solo un 5% di intervistati dichiara di frequentarla spesso.  

Nata come luogo di aggregazione giovanile, la Cittadella non sembra poi riuscire nella sua mission. Per il 38% dei giovani intervistati la struttura stimola molto poco la partecipazione e per il 28% non la stimola affatto. Negativo anche il giudizio sull’accessibilità: per il 32% la Cittadella è molto poco accessibile e sempre per il 28% non lo è affatto.

Ma cosa manca quindi alla Cittadella per essere apprezzata dai suoi principali destinatari? Secondo gli intervistati manca il coinvolgimento reale dei giovani nell’organizzazione degli eventi, mancano spazi per i gruppi musicali valdostani e manca informazione sugli appuntamenti.  Altri aspetti negativi sono legati al fatto che non vengano serviti alcolici al bar e che la struttura chiuda presto, intorno alle 11.00-11.30.

Tra gli aspetti positivi sottolineati compare invece la struttura – bella, nuova, attrezzata, con grandi possibilità – e l’idea di proporre uno spazio per i giovani dove studiare e passare il tempo.

“Avevamo il sentore – spiega Matteo Castello, coordinatore dei Giovani Comunisti – che la Cittadella non stesse andando nella giusta direzione e cosi abbiamo voluto verificare le nostre sensazioni con un questionario che è stato distribuito in diversi posti come il Liceo Scientifico, il Liceo Classico, l’Istituto Magistrale, l’Old Distillery Pub, il Geeko e la Cittadella dei Giovani”

“La situazione è negativa – continua Castello – la Cittadella non viene frequentata anche perché ha adottato una logica paternalista con eventi calati dall’alto senza tenere conto delle aspettative dei giovani e senza coinvolgerli nell’organizzazione. La chiusura della struttura alle 11/1130 e l’assenza di alcolici al bar risponde più ai bisogni di rassicurazione dei genitori. Sono scelte ipocrite perché si sa che i giovani, quando la cittadella chiude, vanno semplicemente da un’altra parte e che servire alcool non vuol dire per forza che i giovani debbano ubriacarsi. Vorremmo che nella struttura si affermasse più un principio di autogestione che non significa anarchia totale”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte