I tesori degli Estensi in mostra ad Aosta

Una parte significativa della collezione della Galleria estense è visitabile presso il museo archeologico regionale fino al 1 novembre. La selezione comprende bronzi, dipinti, gemme, monete e oggetti preziosi, testimoni di una cultura raffinata.
Busto di Antinoo. Prima metà del XVIII secolo
Cultura

Antinoo, portamento fiero, tunica drappeggiata sulla spalla alla maniera romana, squadra i visitatori nella seconda sala del Museo archeologico regionale di Aosta. Il suo busto è uno dei pezzi forti dell'esposizione "Rinascimento privato. Aspetti inconsueti del collezionismo degli Este da Dosso Dossi a Brueghel", il cui titolo si rifà esplicitamente al romanzo storico di Maria Bellonci, l'autobiografia immaginaria di Isabella d'Este che vinse il premio Strega nell'86.

I duchi d'Este estesero il loro dominio tra Ferrara e Modena e in pochi secoli raccolsero un patrimonio invidiabile di oggetti pregiati, antichità greche e romane e capolavori rinascimentali. La Regione Valle d'Aosta, in virtù di un accordo con il polo museale fiorentino e con altri enti, ospita una selezione di opere provenienti dalla Galleria estense, bronzi, dipinti, gemme preziose, monete antiche, alcuni busti e un bassorilievo.

L'esposizione è stata inaugurata ieri, alla presenza dell'assessore alla cultura e dei curatori, Mario Scalini e Nicoletta Giordani. Il pubblico, numeroso, ha potuto apprezzare quella che è sicuramente l'esposizione principale dell'estate 2010, Numerose teche consentono di ammirare monete antiche, greche, puniche, romane e bizantine, osservabili una a una con le lenti d'ingrandimento messe a disposizione dei visitatori. Anche le gemme, mai esposte prima al pubblico, sono numerose, e testimoniano le credenze dell'epoca circa le loro virtù magiche. Tra le opere pittoriche, vanno ricordati i dipindi di Dosso Dossi e Brueghel ilgiovane, e i bronzetti di Giambologna.

Le sculture, in particolare, hanno riscosso molto successo, a giudicare dagli sguardi ammirati del pubblico. Tra le opere più ammirate, c'è un cavallino di bronzo di Pietro Tacca, pezzo unico, impiegato anche come modello per i grandi monumenti equestri, come la statua di Filippo IV di Spagna. La collezione sarà visitabile da oggi fino al primo novembre 2010.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte